mercoledì 18 gennaio | 13:59
pubblicato il 25/mar/2014 09:59

Agenda digitale: Caio, venerdi' vedro' Renzi, ora serve un politico

Agenda digitale: Caio, venerdi' vedro' Renzi, ora serve un politico

(ASCA) - Torino, 25 mar 2014 - Si svolgera' probabilmente venerdi' 28 marzo il previsto briefing tra Francesco Caio, commissario per l'attuazione dell'Agenda Digitale, e il premier Matteo Renzi, sui temi dell'agenda digitale e della banda larga. Lo ha riferito lo stesso Caio a margine dell'incontro svoltosi ieri sera a Torino presso l'associazione Benvenuti in Italia, pur precisando che non c'e' ancora la conferma ufficiale.

''Sara' un passaggio delle consegne'', ha sottolineato Caio ricordando che il suo mandato da commissario scadra' il 31 marzo, dopodiche' ''torno a fare le cose che faccio, la gestione della bottega'', ha specificato, anche se nulla ha voluto anticipare sul suo futuro e sulle ipotesi che lo vedono dopo la guida di Avio nella partita di nomine pubbliche. ''Sara' un rendicontamento di dove siamo arrivati perche' poi ci possa essere la delega a un politico perche' possa continuare'', ha reso noto Caio, sottolineando piu' volte l'importanza che la politica in prima persona prenda le redini della agenda digitale perche', se c'e' un rischio che questa sfida, che ha definito ''non una sommatoria di progetti specifici ma riforma strutturale dello Stato con l'obiettivo dell'abbassamento del costo della macchina amministrativa e dell'innalzamento del livello di competitivita' del paese'', si impantani, questo non risiede nella resistenza della burocrazia, ma ''nell'assenza della politica''.

L'agenda digitale, ha rimarcato Caio, ''e' materia per politici , ed e' il motivo per cui io sono stato onorato dalla chiamata di Enrico Letta, ma altrettanto convinto del fatto che non si puo' fare l'agenda digitale con con un commissario di profilatura tecnica'': Una figura che ''puo' aiutare a impostare il programma, puo' aiutare a identificare le priorita' attuative, portare delle tecnologie di gestione dei progetti su cui la burocrazia non e' fortissima, ma la direzione - ha insistito - deve venire dai politici perche' la digitalizzazione significa reinventare la realta' e invece se si guarda a molti di quello che si e' fatto si e' digitalizzato il processo feudale da cui veniamo''.

Dopo l'impegno di Letta Caio si e' detto convinto che Renzi non abbassera' la guardia: ''Sono temi nelle sue corde.

Lo aveva gia' sottolineato ai tempi della Leopolda, enfatizzando molto la fatturazione elettronica'', che e' uno dei tre progetti su cui si e' impegnato in questi nove mesi di mandato: l'anagrafe nazionale della popolazione residente, l'identita' digitale e appunto la fatturazione elettronica.

''Come si fa spending review, contabilita' dello Stato - ha domandato il commissario - se non si usa uno strumento digitale banale che e' quello di fatturare allo Stato attraverso il sistema digitale? La fatturazione elettronica - ha detto - entra in funzione il 6 giugno e tutti gli altri due progetti hanno uno scadenziario e avranno un loro sviluppo, ma e' indispensabile che continui la pressione politica su queste cose''. eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa