lunedì 05 dicembre | 04:11
pubblicato il 17/lug/2014 14:59

Aerospazio: distretto lombardo, grandi imprese con pmi su certificazioni

(ASCA) - Roma, 17 lug 2014 - Dopo la formazione, la partecipazione agli eventi fieristici internazionali, la piattaforma di e-scouting, ora il Distretto Aerospaziale Lombardo fa squadra su un altro fondamentale fronte per la competitivita' delle aziende: quello delle certificazioni. Il cluster, segnala una nota, continua a essere motore di sviluppo grazie alla stretta collaborazione tra grandi imprese e Pmi. In questo nuovo progetto le prime stanno affiancando le seconde per ottenere quella sorta di bollini di garanzia sui prodotti, essenziali per entrare nelle piu' importanti catene di fornitura internazionali dell'industria aerospaziale. L'annuncio del via a questa nuova iniziativa e' stato dato, proprio mentre e' in corso a Londra il Farnborough International Airshow, uno dei piu' importanti eventi fieristici del settore, dallo stesso Presidente del Distretto, Carmelo Cosentino: ''Ancora una volta, come gia' era avvenuto per i key performance indicator e per la lean production, il Distretto Aerospaziale Lombardo dimostra la sua concreta capacita' di essere un motore di sviluppo per le Pmi. Grandi imprese e piccole e medie realta' aziendali lavorano fianco a fianco con criteri tipici aziendalistici.

Siamo ben oltre il semplice scambio di informazioni, ma contribuiamo fattivamente al miglioramento della competitivita' delle nostre imprese, singolarmente e collettivamente''. Anche grazie al contributo messo in campo dalla Camera di Commercio di Varese 18 Pmi lombarde dell'aerospazio cominceranno nei prossimi mesi un percorso di mentoring per arrivare all'ottenimento di 24 diverse certificazioni. Iso 9100, NADCAP, EASA: sigle che probabilmente al grande pubblico non dicono niente, ma che per le imprese del settore fanno la differenza nel rientrare o meno in un programma di fornitura o nell'ottenimento di una commessa. Senza di esse un'impresa aerospaziale non puo' neanche sperare di provare ad entrare in una supply chain internazionale o di cercare di piazzare un proprio componente su un aereo, elicottero o satellite che sia. ''Il vantaggio dato dal Distretto alle Pmi che parteciperanno al progetto di certificazione - spiega Carmelo Cosentino - non e' solo economico. Il percorso di certificazione mira a far acquisire alle aziende del Distretto Aerospaziale Lombardo una completezza di qualifiche e certificazioni impostate per la loro credibilita' sui mercati internazionali. Il processo e' garantito da tutor appositamente incaricati e da un'attivita' diretta delle Grandi imprese del Distretto Aerospaziale Lombardo. Ma questo e' solo un piccolo vantaggio rispetto al ruolo che alcuni uomini delle grandi imprese del Distretto metteranno sul piatto del progetto. Personale che si spendera' in prima persona condividendo le proprie competenze con le Pmi coinvolte nel cammino verso la certificazione. Con una dimostrazione pratica di quanto i grandi player del territorio stiano investendo proprie risorse per la crescita del sistema produttivo nel suo insieme. Per lo sviluppo di un indotto a kilometri 0, sia a proprio vantaggio, sia per permettere alle singole Pmi di stare sui mercati con le proprie gambe. Condivisione pratica di sapere, conoscenza e metodo''.

com-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari