domenica 26 febbraio | 11:37
pubblicato il 14/apr/2014 16:23

Aerospazio: da Puglia contributo a era velivoli pilotaggio remoto

Aerospazio: da Puglia contributo a era velivoli pilotaggio remoto

(ASCA) - Roma, 14 apr 2014 - Una sfida, una rivoluzione dai mille risvolti: e' in sintesi il panorama disegnato dall'introduzione di aerei a pilotaggio remoto nel sistema dell'aviazione civile, commerciale e militare cui assisteremo nei prossimi anni, ala quale la Puglia intende dare un contributo fondamentale con la promozione dell'aeroporto di Grottaglie a ''test bed'' per la messa a punto e la sperimentazione sul campo di tutte le tecnologie e le procedure necessarie a garantire la sicurezza nell'uso di questi aeromobili che, dal 2016, potrebbero cominciare a solcare i nostri cieli.

A presentare i primi risultati di questa iniziativa, gia' sul campo da circa un anno, e' servito il convegno ''Grottaglie Airport Test Bed'', svoltosi oggi all'interno dell'aeroporto pugliese. ''Non e' un punto di partenza, ma di condivisione del lavoro fatto finora'', ha spiegato il Presidente di Aeroporti di Puglia e del DTA (Distretto Tecnologico Aerospaziale) pugliese, Giuseppe Acierno. ''L'ambizione - ha detto - e' di posizionarci a livello europeo mettendo assieme aerospazio e aeroportualita', che sono due facce di una stessa medaglia''.

Si tratta, ha detto Marco Franchini (DG di Aeroporti di Puglia) di ''una piattaforma assolutamente innovativa con risvolti positivi per l'Europa''. Oggi, ha ribadito Alessio Quaranta, direttore generale dell'ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), ''parte un progetto concreto. Siamo stati i primi in Europa ad aprire alla sperimentazione in aree segregate di aerei a pilotaggio remoto a studiare regolamentazioni per il volo suborbitale. Su questa eredita' dobbiamo costruire e per questo abbiamo accolto subito la proposta di utilizzare questa infrastruttura come test bed''.

Tanto piu' che il centro di controllo del programma europeo Sesar sara' a Brindisi, ha ricordato Massimo Garbini, amministratore unico di Enav (Ente Nazionale Assistenza al Volo), e ''vogliamo essere i primi in Europa a dimostrare la possibilita' di far coesistere aeri a pilotaggio remoto con aviazione commerciale, civile, generale e militare''.

Il volo a pilotaggio remoto ha anche un grande risvolto economico, un mercato che si stima di 40 miliardi di euro nei prossimi 10 anni, come ha sottolineato Giovanni Soccodato, vicepresidente esecutivo di Finmeccanica. ''un mercato - ha detto - con applicazioni prevalenti per la Difesa, ma con un mercato civile in crescita che si attestera' intorno ai quattro miliardi di euro''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech