mercoledì 18 gennaio | 15:02
pubblicato il 14/apr/2014 16:23

Aerospazio: da Puglia contributo a era velivoli pilotaggio remoto

Aerospazio: da Puglia contributo a era velivoli pilotaggio remoto

(ASCA) - Roma, 14 apr 2014 - Una sfida, una rivoluzione dai mille risvolti: e' in sintesi il panorama disegnato dall'introduzione di aerei a pilotaggio remoto nel sistema dell'aviazione civile, commerciale e militare cui assisteremo nei prossimi anni, ala quale la Puglia intende dare un contributo fondamentale con la promozione dell'aeroporto di Grottaglie a ''test bed'' per la messa a punto e la sperimentazione sul campo di tutte le tecnologie e le procedure necessarie a garantire la sicurezza nell'uso di questi aeromobili che, dal 2016, potrebbero cominciare a solcare i nostri cieli.

A presentare i primi risultati di questa iniziativa, gia' sul campo da circa un anno, e' servito il convegno ''Grottaglie Airport Test Bed'', svoltosi oggi all'interno dell'aeroporto pugliese. ''Non e' un punto di partenza, ma di condivisione del lavoro fatto finora'', ha spiegato il Presidente di Aeroporti di Puglia e del DTA (Distretto Tecnologico Aerospaziale) pugliese, Giuseppe Acierno. ''L'ambizione - ha detto - e' di posizionarci a livello europeo mettendo assieme aerospazio e aeroportualita', che sono due facce di una stessa medaglia''.

Si tratta, ha detto Marco Franchini (DG di Aeroporti di Puglia) di ''una piattaforma assolutamente innovativa con risvolti positivi per l'Europa''. Oggi, ha ribadito Alessio Quaranta, direttore generale dell'ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), ''parte un progetto concreto. Siamo stati i primi in Europa ad aprire alla sperimentazione in aree segregate di aerei a pilotaggio remoto a studiare regolamentazioni per il volo suborbitale. Su questa eredita' dobbiamo costruire e per questo abbiamo accolto subito la proposta di utilizzare questa infrastruttura come test bed''.

Tanto piu' che il centro di controllo del programma europeo Sesar sara' a Brindisi, ha ricordato Massimo Garbini, amministratore unico di Enav (Ente Nazionale Assistenza al Volo), e ''vogliamo essere i primi in Europa a dimostrare la possibilita' di far coesistere aeri a pilotaggio remoto con aviazione commerciale, civile, generale e militare''.

Il volo a pilotaggio remoto ha anche un grande risvolto economico, un mercato che si stima di 40 miliardi di euro nei prossimi 10 anni, come ha sottolineato Giovanni Soccodato, vicepresidente esecutivo di Finmeccanica. ''un mercato - ha detto - con applicazioni prevalenti per la Difesa, ma con un mercato civile in crescita che si attestera' intorno ai quattro miliardi di euro''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa