martedì 06 dicembre | 09:16
pubblicato il 14/mag/2014 19:23

Aeroporto Pisa: ok Enac a masterplan, 260 mln investimenti

(ASCA) - Firenze, 14 mag 2014 - Enac ha approvato sotto il profilo tecnico il Piano di Sviluppo Aeroportuale (Masterplan) di SAT per l'aeroporto 'Galilei' di Pisa per il periodo 2014 - 2028. Il Piano prevede investimenti per un totale di circa 260 milioni di Euro, di cui 157 milioni di euro circa a carico di SAT, e lo sviluppo della capacita' complessiva dello scalo fino a 7 milioni di passeggeri/anno. Tra gli investimenti in autofinanziamento sono previsti il potenziamento delle infrastrutture di volo e il raccordo pista per 16 milioni di euro, oggi in corso; la realizzazione del People Mover di collegamento con la stazione Ferroviaria Pisa Centrale, oggi in corso (21 milioni di euro di finanziamenti pubblici); l'ampliamento del Terminal passeggeri per circa 45 milioni di euro.

Inoltre e' programmata, concordemente tra Regione Toscana e Comune di Pisa, la realizzazione di un polo di servizi definito 'Cittadella Aeroportuale' che dovra' concretizzarsi al di fuori del sedime aeroportuale. ''Nel prendere atto con soddisfazione di questo importante traguardo e nel confermare il piano di investimenti - si legge in una nota - il CdA rileva che SAT, giunta cosi' al suo 2* Masterplan, e' oggi, e sara' nel prossimo futuro, l'infrastruttura aeroportuale in grado di connettere la Toscana alla rete globale del trasporto aereo, consentendo l'accesso a tutti i tipi di aerei (tranne AB 380), da ogni destinazione e fornendo servizi aeroportuali diversificati e coerenti con i volumi di traffico trattati. Questo in linea con il ruolo previsto per il Galilei dal Piano Indirizzo Territoriale (P.I.T.) adottato da Regione Toscana nel luglio 2013 e anche con quanto definito dal Piano Nazionale degli Aeroporti, che individua nel sistema aeroportuale Pisa/Firenze (aeroporti definiti dal Piano 'a sviluppo correlato'), un nodo strategico del sistema aeroportuale nazionale''. Secondo Pisa, ''in questo contesto sistemico, di complementarieta' e di differenziazione dei due aeroporti, non si giustifica l'ipotesi di realizzazione a Firenze di una nuova pista di 2400 metri (e non di 2000 come previsto dal P.I.T)''.

Secondo il CdA di Sat ''fare sistema significa definire le specializzazioni dei due aeroporti e programmarne le infrastrutture di conseguenza. Consentire una pista di 2400 metri a Firenze significa uscire dall'ambito del City Airport (voli intraeuropei) per aprirsi ai voli di medio/lungo raggio, ponendosi in piena e diretta concorrenza con l'aeroporto di Pisa, e questo prevedendo fin dall'inizio finanziamenti pubblici al 50%, esclusivamente per AdF''.

Dunque ''il CdA SAT sollecita gli organi competenti a fare concreta chiarezza sui ruoli dei due aeroporti''.

afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Riforme
Referendum, i mercati puntano su nuovo governo in tempi rapidi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari