martedì 28 febbraio | 12:12
pubblicato il 14/mag/2014 19:23

Aeroporto Pisa: ok Enac a masterplan, 260 mln investimenti

(ASCA) - Firenze, 14 mag 2014 - Enac ha approvato sotto il profilo tecnico il Piano di Sviluppo Aeroportuale (Masterplan) di SAT per l'aeroporto 'Galilei' di Pisa per il periodo 2014 - 2028. Il Piano prevede investimenti per un totale di circa 260 milioni di Euro, di cui 157 milioni di euro circa a carico di SAT, e lo sviluppo della capacita' complessiva dello scalo fino a 7 milioni di passeggeri/anno. Tra gli investimenti in autofinanziamento sono previsti il potenziamento delle infrastrutture di volo e il raccordo pista per 16 milioni di euro, oggi in corso; la realizzazione del People Mover di collegamento con la stazione Ferroviaria Pisa Centrale, oggi in corso (21 milioni di euro di finanziamenti pubblici); l'ampliamento del Terminal passeggeri per circa 45 milioni di euro.

Inoltre e' programmata, concordemente tra Regione Toscana e Comune di Pisa, la realizzazione di un polo di servizi definito 'Cittadella Aeroportuale' che dovra' concretizzarsi al di fuori del sedime aeroportuale. ''Nel prendere atto con soddisfazione di questo importante traguardo e nel confermare il piano di investimenti - si legge in una nota - il CdA rileva che SAT, giunta cosi' al suo 2* Masterplan, e' oggi, e sara' nel prossimo futuro, l'infrastruttura aeroportuale in grado di connettere la Toscana alla rete globale del trasporto aereo, consentendo l'accesso a tutti i tipi di aerei (tranne AB 380), da ogni destinazione e fornendo servizi aeroportuali diversificati e coerenti con i volumi di traffico trattati. Questo in linea con il ruolo previsto per il Galilei dal Piano Indirizzo Territoriale (P.I.T.) adottato da Regione Toscana nel luglio 2013 e anche con quanto definito dal Piano Nazionale degli Aeroporti, che individua nel sistema aeroportuale Pisa/Firenze (aeroporti definiti dal Piano 'a sviluppo correlato'), un nodo strategico del sistema aeroportuale nazionale''. Secondo Pisa, ''in questo contesto sistemico, di complementarieta' e di differenziazione dei due aeroporti, non si giustifica l'ipotesi di realizzazione a Firenze di una nuova pista di 2400 metri (e non di 2000 come previsto dal P.I.T)''.

Secondo il CdA di Sat ''fare sistema significa definire le specializzazioni dei due aeroporti e programmarne le infrastrutture di conseguenza. Consentire una pista di 2400 metri a Firenze significa uscire dall'ambito del City Airport (voli intraeuropei) per aprirsi ai voli di medio/lungo raggio, ponendosi in piena e diretta concorrenza con l'aeroporto di Pisa, e questo prevedendo fin dall'inizio finanziamenti pubblici al 50%, esclusivamente per AdF''.

Dunque ''il CdA SAT sollecita gli organi competenti a fare concreta chiarezza sui ruoli dei due aeroporti''.

afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Ilva
Ilva: accordo per Cigs, coinvolti 3.300 lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech