venerdì 02 dicembre | 21:38
pubblicato il 06/feb/2013 17:32

Aeroporti: Pelosi (MIT), moderatamente ottimista su concessioni mancanti

(ASCA) - Roma, 6 feb - ''Sulla questione della mancata concessione a scali come Brescia Montichiari, Cuneo o Parma sono oggi moderatamente ottimista''. A dirlo e' stato il direttore generale del trasporto aereo del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Gerardo Pelosi, intervenendo stamani a Roma al convegno ''Il trasporto aereo in Italia ed in Europa'' promosso dall'Istituto ''Alcide De Gasperi'' e dal centro studi Demetra presieduto da Pierluigi Di Palma. ''Ieri abbiamo avuto al ministero dell'Economia e Finanze un faticoso incontro insieme anche all'Enac - ha aggiunto Pelosi - sono moderatamente ottimista che si definisca questo iter''. Per Pelosi la questione delle concessioni e' strettamente connessa con l'auspicato processo di privatizzazione del sistema aeroportuale italiano. ''Se si tende a privatizzare - ha spiegato - non si puo' pensare di trovare imprenditori disposti ad entrare nel capitale azionario degli aeroporti senza la certezza di una concessione per 20 o 30 anni''.

ap/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari