lunedì 27 febbraio | 19:37
pubblicato il 29/nov/2013 09:20

Aeroporti: Comitato Regioni Ue, sostegno a piccoli non e' aiuto di Stato

Aeroporti: Comitato Regioni Ue, sostegno a piccoli non e' aiuto di Stato

(ASCA) - Bruxelles, 29 nov - Gli interventi pubblici a sostegno della costruzione e dell'ampliamento di infrastrutture aeroportuali rappresentano in larga parte autentiche misure generali di politica economica che non configurano aiuti di Stato. Molti, troppi territori dell'Unione europea sono scarsamente accessibili, troppe Regioni sono mal collegate, la mobilita' dei cittadini della Ue e' fortemente compromessa, e quindi il mercato unico e' frammentato. Gli obiettivi ''Europa 2020'' richiedono infrastrutture aggiornate, intermodali, e lo Stato e le Regioni hanno un preciso ruolo e una precisa responsabilita' pubblica in tal senso. Parte da questa premessa il parere su ''Orientamenti dell'Unione europea sugli aiuti di Stato agli aeroporti e alle compagnie aeree'', approvato ieri a larga maggioranza dal Comitato delle Regioni d'Europa (e trasmesso a Parlamento e Commissione europea), di cui e' stata relatrice la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, con l'assistenza di Olga Simeon, in qualita' di esperto nazionale.

Una delle questioni che il parere affronta, sulla quale - spiega una nota - si e' registrata una particolare attenzione, e' quella relativa allo ''status'' dei piccoli aeroporti (con un numero di passeggeri annui sotto i trecentomila e che svolgono un servizio pubblico essenziale, quali quelli situati in aree molto marginali o isole): in questo caso l'intervento economico pubblico non puo' essere configurato come aiuto di Stato, in contrasto con le norme europee sulla concorrenza.

''Crediamo fermamente - ha affermato la presidente Marini - che il sostegno pubblico per questi aeroporti non configuri aiuto di Stato, perche' incapace di alterare i flussi commerciali e le condizioni di concorrenza tra Stati membri e nemmeno tra Regioni''.

Quanto alla volonta' della Commissione Europea di varare norme piu' severe che riducano e in alcuni casi azzerino, l'intervento pubblico sia per la gestione degli aeroporti sia per politiche di investimento, al fine di tutelare la libera concorrenza - principio che la presidente Marini, a nome delle Regioni d'Europa, ha sostenuto di condividere in linea generale -, nel parere si afferma pero' che ''non sono le regole degli aiuti di Stato lo strumento per indurci ad interrompere il nostro sostegno ai piccoli aeroporti''. pg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech