sabato 21 gennaio | 12:28
pubblicato il 20/gen/2014 13:34

Aeroporti: Catullo SpA, Verona e Brescia segnali ripresa fine anno

Aeroporti: Catullo SpA, Verona e Brescia segnali ripresa fine anno

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - Il 2013 si e' chiuso in negativo sia sul fronte passeggeri che su quello delle merci per gli aeroporti di Verona e Brescia, ma negli ultimi mesi dell'anno si sono registrati segnali positivi che fanno ben sperare per il 2014. A sottolinearlo e' Catullo SpA, societa' di gestione dei due scali, che ha diffuso i dati di fine anno.

Il sistema ha movimentato 2,7 milioni di passeggeri (di cui oltre 1,8 milioni internazionali) e 39 mila tonnellate di merci, risultato anche condizionato dal contesto di congiuntura negativa per il trasporto aereo. Nonostante la contrazione rispetto l'anno precedente (-14,9% sui passeggeri e -2% sulle merci), si registrano segnali positivi negli ultimi mesi dell'anno. ''Il traffico nazionale a Verona cresce del 5% negli ultimi due mesi dell'anno e il charter, per effetto della ripresa del Mar Rosso, ha recuperato a dicembre quasi il 90% del traffico - ha dichiarato il direttore generale Carmine Bassetti - Gli stessi segnali positivi sono confermati in questi primi giorni dell'anno. Le merci a Brescia registrano un incremento del 19% nel secondo semestre, dopo un brusco rallentamento nei primi mesi''. I dati - sottolinea Catullo SpA - vanno inquadrati in uno scenario che vede in Italia, da gennaio a novembre, il traffico passeggeri in contrazione (-2,1%) e una debole ripresa delle merci (+1,2%).

Per la societa' di gestione il 2013 e' stato un anno importante che ha visto ''la conclusione del radicale programma di ristrutturazione, grazie al quale sono state drasticamente ridotte le perdite, e l'avvio della progettualita' per lo sviluppo, che si implementera' nel 2014''. ''Il consolidamento del conto economico, la definizione di una visione strategica di medio periodo condivisa dagli azionisti e la risoluzione di alcune problematiche (come il controllo del traffico aereo a Verona) che ne limitavano le potenzialita' - ha dichiarato il presidente Paolo Arena - hanno consentito alla societa' di presentarsi al mercato e sondarlo alla ricerca di un partner industriale e finanziario con cui intraprendere il percorso di sviluppo, sollecitando piu' manifestazioni d'interesse''.

Il passaggio della gestione del traffico aereo su Verona dall'Aeronautica Militare a Enav ''permettera' di aumentare i movimenti ora e quindi le potenzialita' di gestione di volumi maggiori di traffico aereo''.

red-lcp/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Fisco
Panama Papers, Agenzia Entrate individua primi 700 soggetti
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4