domenica 04 dicembre | 05:05
pubblicato il 16/lug/2014 11:38

Aeroporti: Camanzi, nessuna sovrapposizione tra Enac e Autorita'

(ASCA) - Roma, 16 lug 2014 - ''Non vedo nessuna scarsa chiarezza nei ruoli che Enac, ministero e Autorita' sono chiamati a svolgere in relazione agli aeroporti''. A dirlo il presidente dell'Autorita' di regolazione dei trasporti Andrea Camanzi a margine della presentazione del primo rapporto annuale al Parlamento. ''In attesa dell'operativita' dell'Autorita' - ha aggiunto - i compiti di regolazione economica sono stati svolti dall'Enac, che ringraziamo. Ma dal 15 gennaio ci pensiamo noi''. La legge disgiunge la regolazione tecnica, che spetta all'Ente nazionale per l'aviazione civile, da quella economica, che spetta all'Autorita'. Una scelta che Camanzi ritiene ''corretta''.

''Noi siamo disponibili naturalmente a fare un accordo operativo con Enac cosi' da potere scambiare informazioni velocemente''. E la velocita' per il numero uno dell'Autorita' e' importante per creare un mercato efficiente. ''Fissare i diritti, una volta stabiliti alcuni criteri, deve essere una cosa immediata, veloce. Dobbiamo offrire un sistema aperto, veloce''. ''Se gli aeroporti - ha concluso - vengono usati di piu' e meglio il sistema non puo' che trarne benefici da cui deriveranno anche nuovi investimenti''.

lcp/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari