lunedì 23 gennaio | 22:34
pubblicato il 30/lug/2013 17:00

Acqua: D'Angelis, dopo anni servizio idrico tra le priorita' governo

(ASCA) - Roma, 30 lug - 2 italiani su 10 sono senza fogne, 3 su 10 senza depuratori, il 40% dei nostri fiumi sono gravemente inquinati, circa 9 milioni di italiani, al Sud in particolare, hanno seri problemi di approvvigionamento idrico e dall'Unione Europea sono in arrivo pesanti sanzioni per inadempienza alle direttive comunitarie per depurazione e fognature. Sono nell'ordine di 700 milioni di euro l'anno. E' l'operazione verita' sull'Italia del servizio idrico, a 19 anni dalla legge Galli. Un quadro drammatico per la prima volta sotto i riflettori del Governo e del Ministero Infrastrutture dove il Ministro Lupi ha assegnato al sottosegretario Erasmo D'Angelis la delega specifica alle infrastrutture del ciclo dell'acqua, dalle dighe alla depurazione. D'Angelis, ha convocato con urgenza e presieduto oggi al Ministero Infrastrutture e Trasporti un vertice al quale hanno partecipato i rappresentanti di tutte le Regioni, delle aziende idriche, di Federutility e delle Autorita' idriche nazionale e locali. ''E' solo il primo incontro - spiega D'Angelis - dopo anni in cui le infrastrutture idriche erano fuori dall'agenda di Governo, oggi rientrano tra le priorita' per il rilancio e la modernizzazione di qualita' del nostro Paese. Dobbiamo recuperare velocemente efficienza, rimetterci al passo con standard europei e garantire migliori servizi ai cittadini e alle citta'. Dobbiamo evitare o quanto meno ridurre il livello di sanzioni europee pari a 700 milioni l'anno e al taglio di alcuni fondi Ue fino alla conquista della depurazione. Abbiamo chiesto alle aziende e soprattutto all'Autorita' dell' Energia Elettrica e Gas, e da oltre un anno dell'acqua, di rilanciare gli investimenti per rendere il servizio universale in tutta Italia e lo sblocco di 480 cantieri gia' previsti e finanziati per 4.8 miliardi dai piani di ambito per nuove reti, impianti e anche per gestire le nuove criticita' create dai cambiamenti climatici.

Nuovi cantieri che porterebbero occupazione e ossigeno per le imprese in crisi''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4