sabato 03 dicembre | 08:21
pubblicato il 10/lug/2014 13:44

Acea: Irace, con nuovo sistema stop a bollette pazze

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - ''E in programma un'iniziativa che sostituira' i sistemi informatici. Dal 1* settembre questa attivita' comincera' e si concludera' nell'arco di 18 mesi''. Lo ha assicurato il nuovo Ad di Acea Alberto Irace, in merito alle bollette pazze, al termine di una visita nella sede dell'azienda del sindaco Ignazio Marino e del presidente di Acea Catia Tomasetti. ''Non esistono aziende al mondo che possono sostituire sistemi informatici in un periodo inferiore a questo'', ha aggiunto Irace.

''Il tema delle bollette pazze - ha aggiunto - e' molto complesso. Si tratta di effettuare misure per 1 milione e 700mila misuratori circa e fatturare puntualmente. Abbiamo fatto un accordo con Sap, lo standard mondiale delle utility, e sostituiremo gli attuali sistemi informatici con lo standard. Questo richiedera' del tempo. C'e' massimo impegno su questo - ha assicurato Irace -. Credo che in Acea ci sono tutte le condizioni per migliorare l'efficienza delle nostre prestazioni agli utenti''.

bet/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari