lunedì 05 dicembre | 09:35
pubblicato il 24/mag/2016 11:32

Acciaio, sindacati Ue: fermare dumping Cina che ammazza lavoro Ue

Luc Triangle (Ces) alla Camera: Italia difenda la sua industria

Acciaio, sindacati Ue: fermare dumping Cina che ammazza lavoro Ue

Roma, 24 mag. (askanews) - Invece di ristrutturare il suo settore siderurgico e il suo enorme eccesso di capacità produttiva, la Cina esporta acciaio sottocosto in Europa facendo dumping e concorrenza sleale, finendo per contringere quest'ultima a ristrutturare il suo settore. E' l'accusa lanciata da Luc Triangle, segretario generale aggiunto di IndustriAll Europe in rappresentanza della Ces, la Confederazione dei sindacati europei, durante una audizione alla camera dei Deputati. "Non ci sono condizioni eque tra la siderurgia europea quella cinese - ha detto - finché sarà così non si può essere favorevoli al riconoscimento dello status di economia di mercato alla Cina".

Il problema riguarda direttamente l'Italia: "Se vuole preservare la sua tradizione industriale - ha detto - deve mantenere l'acciaio, perché altrimenti perdereste un elemento primario per la vostra industria meccanica". In generale "non si possono imporre altri vincoli all'acciaio europeo se questi vincoli non si impongono all'acciaio altrove", ha proseguito l'esponente della Confederazione, che in Italia raggruppa Cgil, Cisl e Uil con le relative organizzazioni sul settore siderurgico.

L'Ue ha giù perso quasi 80.000 posti di lavoro nel comparto dal 2008 ad oggi. "L'austerità unilaterale a aggressiva deve cessare, perché ha un impatto negativo. La sovracapacità di Cina e Russia sta destabilizzando i mercati dell'acciaio mondiali e mettono sotto pressione l'occupazione Ue".

La Cina, ha rilevato Triangle, ha una capacità produttiva di acciaio di 350 milioni di tonnellate l'anno: "il doppio della Capacità Ue".

E "il numero senza precedenti di ricorsi anti dumping contro la Cina dimostra che opera sistematicamente pratiche sleali con prodotti a prezzi pesantemente scontati. Di fatto significa che la Cina invece di ristrutturare la sua sovracapacità esporta acciaio in duping e costringe l'Ue a ristrutturare, mentre sono loro a dover ristrutturare".

E come se non bastasse, se non si arresta questa spirale, se si continua a perdere capacità produttiva in Europa a favore di cine e altri produttori "il rischio di dipendenza da questi Paesi diventerebbe enorme". Con possibili ricadute negative per tutti quei settori che vedono nell'acciaio una materia prima base, come l'auto e la meccanica.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari