martedì 17 gennaio | 20:27
pubblicato il 12/feb/2014 12:35

Acciai speciali Terni: Ue, si' a riacquisizione da parte di ThyssenKrupp

Acciai speciali Terni: Ue, si' a riacquisizione da parte di ThyssenKrupp

(ASCA) - Roma, 12 feb 2014 - Via libera dell'Unione europea alla proposta di riacquisizione di Acciai speciali Terni (AST) e di Outokumpu VDM (VDM) da parte di ThyssenKrupp AG (TK). L'operazione, spiega Bruxelles, e' conforme al regolamento Ue sulle concentrazioni. ''La riacquisizione non crea problemi di concorrenza poiche' la nuova impresa risultante dalla concentrazione continuera' a far fronte a una serie di concorrenti credibili''.

La decisione di oggi costituisce l'ultima fase dell'attuazione delle misure correttive sulle quali la Commissione si e' basata, nel 2012, per concedere l'autorizzazione subordinata a condizioni all'acquisizione di Inoxum, la divisione ''Acciaio inossidabile'' di TK, da parte di Outokumpu (OTK). Il 7 novembre 2012 la Commissione ha autorizzato l'operazione a condizione che AST fosse ceduta e il 13 gennaio scorso ha approvato TK come acquirente idoneo per AST. La Commissione doveva ancora valutare la proposta di riacquisizione di AST e di VDM a norma del regolamento sulle concentrazioni dell'UE per garantire che tale operazione - notificata l'8 gennaio - non avrebbe causato problemi di concorrenza. ''La nostra priorita' - ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per la Concorrenza, Joaqui'n Almunia - era garantire che, nonostante le difficili condizioni di mercato, le acciaierie di Terni trovassero il piu' rapidamente possibile un acquirente idoneo, proteggendo nel contempo la loro redditivita'. ThyssenKrupp ha assicurato che sviluppera' AST come concorrente forte e credibile di Outokumpu e di altri operatori del mercato. Ritengo dunque che siamo riusciti a proteggere la concorrenza nel mercato europeo dell'acciaio inossidabile.'' Le attivita' di TK e AST - osserva la Commissione - si sovrappongono unicamente nella distribuzione dei prodotti di acciaio inossidabile in alcuni Paesi europei. ''Tuttavia, molti altri grandi distributori rimarranno attivi dopo l'operazione in tutti i paesi in cui le parti esercitano le loro attivita', e le barriere all'entrata per nuovi concorrenti su questi mercati resteranno moderate. Per il resto, TK non era piu' presente nei mercati in cui operano AST e VDM''.

com-lcp/rf/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa