martedì 21 febbraio | 14:01
pubblicato il 12/feb/2014 12:35

Acciai speciali Terni: Ue, si' a riacquisizione da parte di ThyssenKrupp

Acciai speciali Terni: Ue, si' a riacquisizione da parte di ThyssenKrupp

(ASCA) - Roma, 12 feb 2014 - Via libera dell'Unione europea alla proposta di riacquisizione di Acciai speciali Terni (AST) e di Outokumpu VDM (VDM) da parte di ThyssenKrupp AG (TK). L'operazione, spiega Bruxelles, e' conforme al regolamento Ue sulle concentrazioni. ''La riacquisizione non crea problemi di concorrenza poiche' la nuova impresa risultante dalla concentrazione continuera' a far fronte a una serie di concorrenti credibili''.

La decisione di oggi costituisce l'ultima fase dell'attuazione delle misure correttive sulle quali la Commissione si e' basata, nel 2012, per concedere l'autorizzazione subordinata a condizioni all'acquisizione di Inoxum, la divisione ''Acciaio inossidabile'' di TK, da parte di Outokumpu (OTK). Il 7 novembre 2012 la Commissione ha autorizzato l'operazione a condizione che AST fosse ceduta e il 13 gennaio scorso ha approvato TK come acquirente idoneo per AST. La Commissione doveva ancora valutare la proposta di riacquisizione di AST e di VDM a norma del regolamento sulle concentrazioni dell'UE per garantire che tale operazione - notificata l'8 gennaio - non avrebbe causato problemi di concorrenza. ''La nostra priorita' - ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per la Concorrenza, Joaqui'n Almunia - era garantire che, nonostante le difficili condizioni di mercato, le acciaierie di Terni trovassero il piu' rapidamente possibile un acquirente idoneo, proteggendo nel contempo la loro redditivita'. ThyssenKrupp ha assicurato che sviluppera' AST come concorrente forte e credibile di Outokumpu e di altri operatori del mercato. Ritengo dunque che siamo riusciti a proteggere la concorrenza nel mercato europeo dell'acciaio inossidabile.'' Le attivita' di TK e AST - osserva la Commissione - si sovrappongono unicamente nella distribuzione dei prodotti di acciaio inossidabile in alcuni Paesi europei. ''Tuttavia, molti altri grandi distributori rimarranno attivi dopo l'operazione in tutti i paesi in cui le parti esercitano le loro attivita', e le barriere all'entrata per nuovi concorrenti su questi mercati resteranno moderate. Per il resto, TK non era piu' presente nei mercati in cui operano AST e VDM''.

com-lcp/rf/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia