domenica 04 dicembre | 13:17
pubblicato il 11/giu/2013 12:39

Abi: piu' innovazione nei pagamenti

Abi: piu' innovazione nei pagamenti

(ASCA) - Roma, 11 giu - Gli strumenti di pagamento dei clienti delle banche in Italia diventano sempre piu' tecnologici e innovativi: col ''chip'', ''senza contatto'', via internet e cellulare, acquistare un bene o un servizio, che sia in Italia o nel resto d'Europa, non e' mai stato cosi' facile e sicuro. Grazie alle nuove tecnologie, al web e ai device di ultima generazione come tablet e smartphone, che sempre piu' spesso rappresentano un volano fondamentale per la crescita dei pagamenti elettronici e lo sviluppo di soluzioni innovative. Ma soprattutto grazie alla creazione dell'area unica europea dei pagamenti in euro - la cosiddetta SEPA - che sara' completata il 1* febbraio del prossimo anno, riducendo costi e inefficienze di strumenti cartacei e contante.

Il punto sulle principali sfide e sulle prospettive presenti e future del mercato dei pagamenti - anche in vista delle prossime scadenze fissate dal Regolamento Europeo - a Spin 2013, la due giorni che si tiene oggi e domani a Napoli. Le banche in Italia sono pronte per il prossimo appuntamento col SEPA End-Date. Secondo una recente indagine dell'Abi, infatti, a poco piu' di 200 giorni dalla data a partire dalla quale i servizi nazionali di bonifico e addebito diretto saranno definitivamente dismessi in favore dei corrispondenti strumenti paneuropei, la quasi totalita' delle banche operanti in Italia ha gia' avviato il processo di adeguamento infrastrutturale, applicativo, contrattuale e commerciale. Al punto che quasi tutti i gruppi bancari considerano di anticipare al prossimo autunno la migrazione di tutti i bonifici per tutti i canali.

Non piu' tardi di aprile e' avvenuta con successo la migrazione allo schema paneuropeo di tutti gli stipendi pubblici e delle pensioni di guerra.

Oltre che di Sepa, a Spin 2013 si e' parlato anche di tecnologia e innovazione applicate agli strumenti di pagamento: da uno strumento tradizionale come l'assegno fino ai canali digitali che, con i mobile e gli e-payments, possono dare un forte impulso alla crescita del commercio elettronico. In questa prospettiva, se pure i mobile payments continuano ad aumentare, sono soprattutto gli e-payments a far registrare il maggiore tasso di crescita. Basti pensare che, secondo alcune stime, nel 2014 il 20% delle transazioni commerciali sara' proprio su internet. Anche per questo, le banche italiane si sono attivate per mettere a disposizione dei clienti una serie di soluzioni innovative per il pagamento elettronico degli acquisti fatti sul web. Tra questi, a livello europeo e' stato messo a punto ''MyBank'', uno strumento che consente di fare i propri acquisiti online tramite bonifico SEPA, reindirizzando direttamente il pagamento su sito di home banking o sull'applicazione per smartphone e tablet della propria banca.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari