lunedì 20 febbraio | 01:27
pubblicato il 17/set/2014 14:39

Abi modifica statuto: codice etico e regole piu' severe su vertici

Via emendamento Mussari per presidente non alla guida di banca (ASCA) - Roma, 17 set 2014 - L'Abi modifica lo statuto, con l'inserimento del codice etico e piu' severita' sulle regole per i vertici dell'associazione bancaria. Il comitato esecutivo ha approvato infatti all'unanimita' "alcune proposte di modifiche statutarie che rafforzano la governance". Le modifiche "valorizzano i principi dell'associazionismo anche attraverso l'inserimento, quale parte integrante dello statuto, del codice etico ai cui principi devono ispirarsi tutti i componenti gli organi statutari e gli organismi tecnici dell'Abi e chi vi opera". "Viene anche ulteriormente qualificata - ha spiegato il presidente Antonio Patuelli al termine del comitato esecutivo - la disciplina che regola i requisiti soggettivi di partecipazione agli organi deliberativi, direttamente collegabili anche ai requisiti di Banca d'Italia per gli esponenti bancari". Inoltre, "viene eliminata la previsione che, senza piu' il requisito di elevati ruoli bancari, consentiva la rielezione del presidente per un secondo mandato" (l'incarico alla guida dell'Abi decade nel momento in cui termina quello nell'istituto di credito). (segue) Glv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia