domenica 11 dicembre | 03:20
pubblicato il 01/lug/2014 14:54

Abi: DirCredito, stop su rinnovo contratto. Nuovo round a fine luglio

(ASCA) - Roma, 1 lug 2014 - Ancora una battuta di arresto nella trattativa con ABI sul rinnovo del CCNL. Le distanze - spiega DirCredito in una nota - sono tali da far decidere alle Parti di incontrarsi nuovamente a fine luglio, cioe' solo dopo che ABI avra' rinnovato il proprio Board successivamente all'assemblea annuale del prossimo 10 luglio.

L'incontro del 30 giugno ha registrato la conferma dell'indisponibilita' dei banchieri di prevedere incrementi economici per il recupero dell'inflazione e la determinazione a cambiare radicalmente l'impianto normativo del CCNL, indebolendo la categoria. Sull'altro fronte il sindacato ha ribadito la necessita' di un deciso cambio di approccio e ha riproposto quale priorita' la centralita' della piattaforma approvata dai lavoratori.

Anche per quanto riguarda la tabellizzazione dal 1* luglio degli aumenti salariali - cosi' come previsto nell'ultimo contratto - l'Associazione Bancaria non ha fornito una risposta precisa, dichiarando da una parte di voler onorare gli impegni, ma riservandosi una conferma definitiva solo dopo il 10 luglio.

''Continuo a non comprendere la rigidita' di ABI rispetto al merito della trattativa - cosi' Maurizio Arena, Segretario Generale Dircredito, sindacato delle alte professionalita' bancarie - e' comunque evidente che la delegazione trattante di ABI sia frammentata a tal punto da non poter intraprendere un percorso negoziale prima del rinnovo delle cariche''.

''Questo - continua Arena - non e' certo un buon viatico per una trattativa che, fin dalle prime battute, si e' dimostrata tutta in salita. Il nostro obiettivo e' di aprire un confronto leale, ma con i piedi ben piantati per terra e con la consapevolezza che la categoria non potrebbe sopportare un ulteriore accordo al ribasso''. ''Nell'attesa che in ABI prevalga il senso di responsabilita' - conclude il Segretario generale - sensibilizzeremo, attraverso la stampa, la pubblica opinione e le istituzioni sulla necessita' di costruire un nuovo modello di banca al servizio del Paese, di imprese e famiglie. Un modello che puo' rappresentare un'opportunita' di ripresa e di rilancio dell'economia reale oltre che, naturalmente, un fattore di stabilita' e di tranquillita' per i lavoratori bancari di ogni livello''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina