venerdì 20 gennaio | 03:21
pubblicato il 06/mag/2013 15:20

Abi: cinquecento milioni euro per imprese in Indonesia

Abi: cinquecento milioni euro per imprese in Indonesia

(ASCA) - Roma, 6 mag - Cinquecento milioni di euro gia' stanziati dal settore bancario per finanziare l'import-export e gli investimenti delle imprese italiane che vogliono operare in Indonesia. A tanto ammonta - secondo la stima fatta dall'Abi - il plafond messo a disposizione dalle banche italiane per sostenere l'operativita' commerciale e finanziaria degli imprenditori nel piu' grande paese del sud-est asiatico che conta oltre 240 milioni di abitanti. Il dato e' stato presentato al Forum economico tenutosi oggi a Giacarta in occasione della missione di sistema organizzata da banche, imprese e Istituzioni, alla quale ha partecipato Guido Rosa, del Comitato di Presidenza dell'Abi.

Secondo i dati dell'Associazione bancaria, il 29% del plafond e' gia' stato utilizzato per finanziare progetti e iniziative di business nel mercato indonesiano. ''Oltre due terzi, dunque - ha detto Rosa - sono ancora disponibili per sostenere nuove attivita' imprenditoriali in quest'area che, grazie a un importante processo di transizione, ha superato i contraccolpi della crisi finanziaria del ''97 e oggi cresce a ritmo sostenuto''. Tra il 2007 e il 2012 il pil pro capite indonesiano ha registrato un incremento medio annuo del 13,4%, raddoppiando il proprio valore e consentendo all'Indonesia di entrare a pieno titolo nel novero dei paesi a medio reddito.

Quanto alle banche italiane, alcuni tra i principali gruppi assistono le imprese che vogliono investire nel mercato locale grazie agli accordi di collaborazione stipulati con i piu' importanti intermediari indonesiani. Altri supportano la propria clientela attraverso la presenza diretta delle case madri estere oppure tramite gli uffici di rappresentanza presenti nella vicina Hong Kong. ''Le opportunita' e le dimensioni del mercato indonesiano - ha detto Rosa - lasciano ampi margini per poter sviluppare la nostra presenza in questo grande paese. In questa direzione, e' importante che il governo indonesiano prosegua con la progressiva apertura del settore bancario locale agli intermediari esteri''.

Alla missione economica in Indonesia partecipano otto gruppi bancari che rappresentano circa il 70% del settore in termini di totale attivo: Banca MPS, Banca Popolare di Vicenza, Banco Popolare, BNL-Gruppo Bnp Paribas, Cariparma-Credit Agricole, Intesa Sanpaolo, Mediobanca e UBI. Ogni banca partecipa ai lavori con un proprio desk per supportare le imprese italiane e indonesiane durante tutti gli incontri di business. Con lo stesso obiettivo, l'Abi ha organizzato una tavola rotonda con banche italiane e indonesiane per mettere a confronto i rispettivi sistemi bancari, approfondendo - anche grazie alla partecipazione della Banca Centrale e delle Autorita' locali - i principali aspetti regolamentari e le misure piu' rilevanti per gli intermediari stranieri che vogliono operare in Indonesia.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale