martedì 28 febbraio | 15:26
pubblicato il 10/apr/2013 12:13

Abi: cambia lo sportello, meno operazioni piu' consulenza su misura

Abi: cambia lo sportello, meno operazioni piu' consulenza su misura

(ASCA) - Roma, 10 apr - Cambia lo sportello bancario grazie al ricorso sempre piu' diffuso ai nuovi canali - come internet e cellulari - per le operazioni di tutti i giorni, alla digitalizzazione dei servizi e dei processi e all'evoluzione in ottica self-service degli atm. E' quanto emerge da un'indagine dell'Abi, in collaborazione con l'Universita' di Parma, sui piani e le strategie messe a punto delle banche italiane per i prossimi due anni, condotta su un campione di 80 istituti che rappresentano il 76% del settore in termini di sportelli.

Secondo lo studio - presentato al convegno ''Dimensione Cliente'', che si svolge oggi e domani a Roma - l'affermarsi dei nuovi canali di accesso ai servizi bancari, come internet, smartphone, tablet e call center, sta trasformando radicalmente il tempo e lo spazio all'interno delle agenzie, liberando il personale di sportello dalle attivita' piu' semplici e ricorrenti, come bonifici, prelievi, estratti conto e pagamenti vari.

Da recenti indagini dell'Abi emerge che ogni anno i clienti delle banche effettuano oltre 500 milioni di visite allo sportello per avere informazioni sul proprio conto, effettuare transazioni, fare investimenti, chiedere mutui o finanziamenti. Gia' oggi le banche dedicano oltre il 40% del tempo all'assistenza e alla consulenza, circa un terzo alle operazioni di routine e meno di un quinto al back office. A livello di settore, questo significa circa 150 milioni di ore impiegate dal personale bancario ad ascoltare le esigenze dei clienti e a suggerire loro le soluzioni piu' efficaci.

In particolare, tra i frequentatori piu' assidui delle succursali ci sono coloro che hanno un investimento o un finanziamento in corso: in media questi clienti si recano in agenzia un po' meno di due volte al mese, per un totale di circa 9 ore l'anno di assistenza. Per tutte le banche l'obiettivo nei prossimi due anni e' incrementare ulteriormente il tempo dedicato a incontrare vis-a-vis i clienti per offrire loro una consulenza e un'assistenza sempre piu' specializzate e personalizzate e in particolare per il 61% delle banche tale trend di crescita della consulenza sara' molto elevato. Quasi tre quarti delle banche prevedono figure professionali che si muovono sul territorio a contatto con i clienti e altrettante renderanno possibile ai clienti, nei prossimi 2-3 anni, fissare gli appuntamenti col proprio referente dell'agenzia via internet o call center. In questa prospettiva, per il 73% degli istituti piu' consulenza significa sviluppare nuovi spazi per incontrare e assistere i clienti. Infine, il 40% delle banche sta implementando la possibilita' per il cliente di video-collegarsi col proprio consulente.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech