sabato 03 dicembre | 15:30
pubblicato il 05/giu/2013 12:17

Abi: calano del 14% rapine allo sportello nel 2012 (1Upd)

Abi: calano del 14% rapine allo sportello nel 2012 (1Upd)

(ASCA) - Roma, 5 giu - Calano del 14% le rapine allo sportello 940 nel 2012 contro le 1097 del 2011. In calo anche bottino e indice di rischio.

Rinnovato il protocollo anticrimine Abi-Dipartimento di Pubblica Sicurezza.

Nel 2012, infatti, sono stati compiuti 940 colpi allo sportello, con un calo del 14% rispetto ai 1097 del 2011. In calo del 13% anche il cosiddetto indice di rischio - cioe' il numero di rapine ogni 100 sportelli - che e' passato da 3,3 a 2,8 ed il bottino complessivo che e' passato da 25 milioni di euro del 2011 a 24,5 milioni del 2012 (-2,5%). Sono questi i principali risultati dell'indagine condotta da Ossif, il Centro di ricerca Abi in materia di sicurezza, presentati oggi al convegno Banche e Sicurezza 2013.

Nel corso dell'incontro - organizzato per fare il punto sulle nuove strategie e sulle misure piu' innovative per prevenire le rapine allo sportello - Abi e Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno hanno rinnovato il Protocollo d'Intesa per rafforzare la collaborazione e contrastare in modo sempre piu' efficace il fenomeno criminale delle rapine in banca. Il trend positivo che ha caratterizzato il fenomeno negli ultimi anni, con una riduzione del 68% dal 2007 a oggi, infatti, e' anche il frutto del lavoro congiunto di banche e Forze dell'Ordine.

Questa stretta collaborazione ha dato i suoi frutti anche sul fronte della repressione: nel 2012, secondo i dati operativi del Ministero degli Interni, i responsabili di oltre il 40% dei colpi allo sportello sono stati individuati, anche grazie alle immagini digitali fornite dalle banche.

Dall'indagine Ossif sulle rapine in banca nel 2012 merge che le rapine sono diminuite in: Calabria (-7,1%, da 14 a 13) e in Campania (-24,4%, da 78 a 59), in Emilia Romagna (-8,3%, da 108 a 99), nel Lazio (-35,8%, da 159 a 102), in Liguria (-28%, da 25 a 18), in Lombardia (-24,7%, da 243 a 183), nelle Marche (-51,7%, da 58 a 28), in Molise (-50%, da 4 a 2). La Puglia mostra un calo (-50%, da 72 a 36), come la Toscana (-20,4%, da 108 a 86) e il Veneto (-21,4%, da 42 a 33). I dati negativi riguardano invece: l'Abruzzo (con 42 rapine da 29), la Basilicata (con 7 da 4), e il Friuli Venezia Giulia (con 3 da 2). Il Piemonte aumenta invece il numero delle rapine (con 93 da 66), come la Sardegna (con 13 da 4), e la Sicilia (con 100 da 64), il Trentino Alto-Adige (con 5 da 1), che presenta comunque uno dei numeri piu' bassi, e l'Umbria (con 17 da 16) mentre la Valle d'Aosta registra 1 sola rapina: nel 2011 non c'era stata nessuna rapina.

Le banche italiane investono ogni anno circa 800 milioni di euro per rendere le proprie filiali sempre piu' protette e sicure.

Adottando misure di protezione sempre piu' moderne ed efficaci e formando i propri dipendenti anche attraverso un'apposita Guida antirapina che recepisce i suggerimenti delle Forze dell'Ordine. La nuova edizione della Guida, ultimata proprio in queste settimane, e' stata presentata durante i lavori del convegno.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari