venerdì 02 dicembre | 23:37
pubblicato il 14/mag/2013 15:00

Abi: ancora in calo i prestiti a famiglie e imprese (-3,1%)

Abi: ancora in calo i prestiti a famiglie e imprese (-3,1%)

(ASCA)- Roma, 14 mag - Ancora in calo i prestiti alle famiglie e alle imprese nel mese di aprile 2013 (-3,1%), mentre continuano ad aumentare le sofferenze bancarie nette (a quota 64,3 miliardi a marzo 2013; il rapporto tra le sofferenze nette e impieghi e' passato al 3,4% rispetto al 3,2% di febbraio 2013, e i tassi di interesse registrano un 'marginale aumento', ma sempre su livelli contenuti. Quelli sui prestiti sono risultati al 3,79% (3 centesimi in piu' rispetto a marzo, ma 25 centesimi in meno rispetto ad un anno prima). Nel mese di aprile le sofferenze lorde hanno toccato il record di 131 miliardi. E' quanto si evince dal Rapporto sull'andamento dei mercati finanziari e creditizi diffuso in occasione del comitato esecutivo dell'Abi che si svolge a Milano domani. I banchieri sottolineano che anche ad aprile i prestiti ai clienti sono superiori alla raccolta, praticamente 1.907,5 miliardi di euro, contro 1.759,9 miliardi di raccolta.

ram/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari