domenica 26 febbraio | 11:26
pubblicato il 07/ott/2013 14:41

Abi: 1,8 mld per imprese italiane che investono in Emirati Arabi

Abi: 1,8 mld per imprese italiane che investono in Emirati Arabi

(ASCA) - Roma, 7 ott - Ben 1,8 miliardi sono stati messi a disposizione delle imprese italiane che vogliono investire negli Emirati Arabi Uniti, puntando sul dinamismo economico di un mercato che nei prossimi tre anni crescera' in media di oltre il 5%. E' stato infatti firmato oggi l'accordo. Secondo la stima dell'Abi sui dati dei gruppi bancari piu' attivi sui mercati internazionali, a tanto ammonta il plafond stanziato dalle banche italiane per finanziare esportazioni, investimenti e nuove attivita' imprenditoriali nella federazione dei sette emirati indipendenti di Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al Qaiwain, Ras al Khaimah, Furjayrah. Ad annunciarlo e' stato Guido Rosa, membro del Comitato di Presidenza Abi con delega per l'internazionalizzazione, durante il Forum economico che si e' tenuto oggi ad Abu Dhabi, in occasione della missione di sistema organizzata da banche, imprese e Istituzioni.

Del plafond complessivo, fino ad oggi e' stato impiegato solo il 40%. ''Ci sono dunque - ha detto Rosa - ampi margini per finanziare nuovi progetti di business e flussi di esportazioni, sostenendo le imprese che vorranno cogliere le numerose opportunita' di investimento di questo mercato''.

Gli Emirati, infatti, hanno saputo contrastare tempestivamente la recessione e la contrazione della domanda privata, prima con misure di stimolo fiscale e poi con prudenti piani di consolidamento. Proseguendo, allo stesso tempo, l'opera di diversificazione dell'economia, grazie a un surplus fiscale di oltre il 3% in grado di sostenere il settore non oil e la spesa sociale.

Per le banche italiane, la missione negli Emirati e' anche l'occasione per consolidare i rapporti con le controparti locali. Proprio oggi, infatti, l'Abi e la Federazione delle banche emiratine hanno firmano un Memorandum of understanding per rafforzare la cooperazione economica e finanziaria tra Italia ed Emirati attraverso una piu' stretta collaborazione tra i rispettivi settori bancari. Con lo stesso obiettivo, inoltre, l'Abi ha organizzato una tavola rotonda con la Banca Centrale e le altre Autorita' di regolamentazione emiratine, a cui hanno preso parte la delegazione bancaria italiana e i principali gruppi bancari locali.

Negli Emirati Arabi Uniti sono presenti due tra i principali gruppi bancari italiani, con una filiale e uffici di rappresentanza. Nel Paese operano anche banche estere capogruppo di banche italiane che, grazie al raccordo con le case madri offrono un supporto mirato alle imprese italiane attive sul mercato emiratino.

Alla missione partecipa una delegazione di otto gruppi bancari che rappresentano circa il 70% del settore in termini di totale attivo: Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bnl-Bnp Paribas, Banca Popolare Emilia Romagna, Banca Monte dei Paschi di Siena, Mediobanca, Banca Popolare di Vicenza, Banca Etruria.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech