domenica 04 dicembre | 13:32
pubblicato il 14/mar/2013 13:37

A2A: torna in utile nel 2012 (260 mln), raddoppia dividendo (1 update)

(ASCA) - Roma, 14 mar - Migliora la redditivita' operativa e torna in utile A2A nel 2012 con il cds che delibera un dividendo di 0,26 euro per azione, il doppio rispetto al precedente esercizio.

I conti approvati dal consiglio di gestione mostrano un margine operativo di oltre un miliardo di euro con una progressione del 15,6% sul precedente esercizio. ''Tale positivo risultato - si legge in un comunicato - appare ancor piu' rilevante se si considerano le perduranti e profonde difficolta' caratterizzanti i comparti del settore energetico in cui il Gruppo opera, nonche' gli effetti derivanti da recenti modifiche (o da avanzate proposte di modifica) del quadro normativo e regolatorio. Tali modifiche (talune con effetto retroattivo) hanno infatti pesato per circa 54 milioni di euro sulle performance delle Filiere Ambiente e Reti a seguito delle rettifiche prudenzialmente apportate ai loro ricavi, anche in attesa degli esiti dei contenziosi amministrativi gia' intentati dalle Societa' del Gruppo coinvolte''.

I ricavi sono aumentati del 5,7% sfiorando i 6,5 miliardi di euro mentre l'utile netto si attesta a 260 milioni rispetto alla perdita di 423 milioni del 2011 che scontava svalutazioni per 627 milioni.

Sulle prospettive, A2A indica che per il 2013 ''non si prevedono condizioni macroeconomiche e settoriali migliorative rispetto a quelle che hanno caratterizzato l'esercizio 2012. Tuttavia, dal punto di vista reddituale, un positivo contributo alla crescita sara' dato dal consolidamento per l'intero esercizio di Edipower (sette mesi nel 2012) a cui si aggiungeranno i benefici derivanti dall'avvio del piano triennale di efficientamento operativo denominato AXE80. Ci si attende che tali fattori, unitamente ad un miglioramento reddituale della Filiera Ambiente e di quella Calore, possano piu' che compensare gli effetti delle recenti e di ulteriori possibili modifiche del quadro normativo e regolatorio. In continuita' con i risultati conseguiti nel 2012, il management rimarra' impegnato a perseguire prioritariamente l'obiettivo di un ulteriore miglioramento del rapporto di indebitamento.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari