sabato 03 dicembre | 08:22
pubblicato il 08/mar/2016 14:49

8 marzo,Italia 21ma in classifica Economist parità donne al lavoro

Perse 3 posizioni dal 2015, su podio Islanda, Norvegia, Svezia

8 marzo,Italia 21ma in classifica Economist parità donne al lavoro

Roma, 8 mar. (askanews) - Islanda, Norvegia e Svezia sono i tre Paesi sviluppati dove le donne hanno le migliori possibilità di avere parità di trattamento. E' questo il verdetto dell'ultimo indice, 'glass ceiling', letteralmente 'soffitto di vetro', elaborato dal settimanale The Economist sulla base di una serie di parametri che spaziano dall'istruzione superiore alla partecipazione alla forza lavoro, dai costi dell'assistenza all'infanzia ai diritti connessi alla maternità, dalle domande per le scuole di gestione aziendale alla rappresentanza femminile ai vertici delle imprese.

L'Italia figura al 21mo posto, in retroguardia rispetto agli altri due principali paesi dell'Eurozona, la Francia (7mo posto) e la Germania (17) ma prima del Regno Unito (24).

Le ricerche - sottolinea The Economist - dimostrano che dove i nuovi padri prendono il congedo parentale, le madri tendono a tornare sul mercato del lavoro e l'occupazione femminile è più alta mentre il differenziale retributivo tra i due sessi è più basso. Da questo punto di vista non è dunque una sorpresa che i paesi nordici, Islanda, Norvegia, Svezia e Finlandia siano in cima alla classifica. Le cifre parlano da sole. la Finlandia, ad esempio, vanta la più ampia quota di donne con istruzione superiore al loro attivo (49% di donne laureate a fronte del 35% degli uomini). In Norvegia il differenziale retributivo tra sessi (6,3% in media) è la metà di quello registrato nel complesso dei Paesi Ocse. E ancora: in Islanda le donne occupano il 44% dei posti di consigliere d'amministrazione in società quotate, uno dei livelli più elevati al mondo. Ma anche un Paese come l'Ungheria, al quinto posto nella graduatoria dell'Economist, registra il livello più basso in assoluto del difefrenziale salariale (3,8%).

Ecco, nella tabella, la classifica 'soffitto di vetro' stilata dall'Economist con il raffronto sulla graduatoria dello scorso anno

PAESI CON MIGLIORI PARITA' DI TRATTAMENTO TRA SESSI NEL 2016

POSIZIONE 2016 POSIZIONE NEL 2015

1) ISLANDA                     NP

2) NORVEGIA                 2

3) SVEZIA                        3

4) FINLANDIA                 1

5) UNGHERIA                 6

6) POLONIA                     4

7) FRANCIA                     5

8) DANIMARCA               7

9) NUOVA ZELANDA   10

10) BELGIO                     9

11) CANADA                11

12) PORTOGALLO      12

13) SPAGNA                  8

14) ISRAELE                13

15) SLOVACCHIA        14

16) AUSTRIA                 21

17) GERMANIA             17

18) AUSTRALIA           16

19) USA                         17

20) REP. CECA            24

21) ITALIA                     18

22) OLANDA                 20

23) GRECIA                  19

24) REGNO UNITO      22

25) IRLANDA                23

26) SVIZZERA              25

27) GIAPPONE             27

28) TURCHIA                26

29) COREA DEL SUD 28

Fonti: The Economist; Catalyst; Egon Zehnder; Commissione Ue; Gmac; Oil; Unione Interparlamentare; World Economic forum

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari