lunedì 05 dicembre | 18:18
pubblicato il 07/mar/2014 16:12

8 marzo: Camusso, estendere tutela maternita' a tutte le lavoratrici

8 marzo: Camusso, estendere tutela maternita' a tutte le lavoratrici

(ASCA) - Roma, 7 mar 2014 - ''Nella crescente precarieta' e incertezza sul lavoro, l'autonomia economica per avere un figlio oggi in Italia e' una sfida. Per questo serve, ora, l'estensione della tutela della maternita' a tutte le lavoratrici, a tutte le tipologie di lavoro''. Alla vigilia dell'8 marzo, giornata internazionale della donna, in un intervento su 'Prima Donna', speciale per questa giornata di 'Rassegna Sindacale', il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, lancia nell'editoriale dal titolo 'Maternita' valore sociale' il bisogno di estendere la tutela di quest'ultima. ''Nel solo 2012 sono 20 mila i padri e soprattutto le madri lavoratrici che hanno lasciato il lavoro durante la gravidanza o subito dopo la nascita di un figlio in Italia'', ricorda la Cgil in una nota a cura dell'ufficio Politiche di genere. Nello specifico, prosegue, ''sono state 18.454 le lavoratrici che si sono dimesse 'volontariamente' nel primo anno di vita del bambino, dato che si e' tenuto sostanzialmente costante nel coso degli ultimi cinque anni, andando a convalidare le dimissioni alla Direzione provinciale del lavoro (Dpl)''. Ad esse si aggiunge ''il numero, difficile da quantificare, delle mamme lavoratrici non tenute alla convalida delle dimissioni alla Dpl, per non parlare delle tante lavoratrici precarie per le quali la maternita' significa spesso la perdita di ogni speranza di rinnovo del contratto. Alle madri si aggiungono poi anche 733 padri lavoratori per un totale di 19.187 dimissioni nel 2012''. Ecco perche', sostiene Camusso: ''Un welfare universalistico, ripensato in un'ottica inclusiva che estenda le tutele sociali a chi oggi ne e' privo, e' una necessita' per la piena cittadinanza. Si puo' partire dalla maternita' ridandole valore sociale. Non basta dunque creare un sostegno all'occupazione femminile. E' necessario un ripensamento generale della nostra societa', delle politiche economiche e sociali da un punto di vista di genere, nel quadro del forte cambiamento della societa' e del lavoro. Bisogna creare le condizioni per cui le donne possano avere accesso al lavoro, superando i fenomeni discriminatori, dilatati con la crisi economica, che le hanno fortemente penalizzate. Il lavoro delle donne, produttivo e riproduttivo - conclude Camusso - crea valore per tutti''.

E' proprio ''Liberta''', intesa come ''condizione di genere femminile'', il messaggio scelto dalla Cgil quest'anno per la giornata internazionale della donna: ''per rimettere al centro il suo diritto all'autodeterminazione''. In Italia, infatti, ''ma anche negli altri Paesi Europei - spiega il sindacato -, si sta assistendo ad una pesante regressione della condizione femminile''. Nel nostro paese, ''il diritto all'autodeterminazione e' messo fortemente in discussione su due versanti: l'interruzione volontaria di gravidanza, a causa della mancata applicazione della 194, e il diritto di scegliere la maternita', limitato quest'ultimo dalle condizioni economiche e sociali, dalla precarieta' diffusa, dalla forte crisi occupazionale e dall'erosione del welfare, che riduce sempre di piu' i servizi all'infanzia''.

Per questo ''e' urgente tornare a investire sul welfare e rendere piu' uguali e universali i diritti. Non solo per una giustizia sociale, ma perche' in gioco c'e' la liberta', la liberta' per le donne di decidere della propria vita, del proprio corpo, della propria salute e del proprio futuro''. Rivendicazioni che la Cgil portera' in piazza domani nelle centinaia di iniziative programmate in tutta Italia, a partire da quelle che interesseranno il segretario generale, Susanna Camusso, impegnata domani al Quirinale per la Celebrazione della Giornata internazionale della donna mentre in serata partecipera' all'iniziativa di RadioRai dov'e' in palinsesto una programmazione speciale: un grande racconto sulle donne e per le donne vittime di femminicidio. La leader della Cgil, dal palco di via Assago, sara' una delle voci di 'Ferite a morte', il progetto teatrale sul femminicidio scritto e diretto da Serena Dandini. Ma saranno centinaia le iniziative, dalle piazze ai teatri, che la Cgil organizzera' domani lungo il paese, accomunate tutte dalle parole scelte quest'anno dal sindacato di corso d'Italia per celebrare l'8 marzo: ''Liberta', condizione di genere femminile''. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari