Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Banche, Patuelli: cambiare regole per Npl, no fretta su post-Covid

colonna Sinistra
Mercoledì 16 settembre 2020 - 12:35

Banche, Patuelli: cambiare regole per Npl, no fretta su post-Covid

Il presidente Abi: la pandemia c'è ancora, non si sa quando finirà
Banche, Patuelli: cambiare regole per Npl, no fretta su post-Covid

Roma, 16 set. (askanews) – Le nuove regole per le banche sui crediti deteriorati vanno modificate prima che entrino in vigore e, soprattutto, non bisogna avere fretta sul passaggio a una nuova fase post-Covid quando la pandemia è ancora in atto. Lo ha affermato il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, intervenendo al comitato esecutivo dell’associazione bancaria con la presenza del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco.

“Le banche in Italia – ha spiegato Patuelli – dallo scoppio della pandemia, pur nelle complessità dell’emergenza sanitaria, hanno accentuato gli sforzi per contribuire alla resistenza dell’economia e alla ripresa dello sviluppo e dell’occupazione. Gli oltre 300 miliardi delle moratorie finora deliberate dalle banche evidenziano i nostri sforzi. Importanti sono state, parallelamente, le decisioni della Bce sia sulle politiche monetarie sia sulle regole bancarie: sono state in parte accolte anche nostre proposte”.

“Occorre proseguire – secondo il numero uno di Palazzo Altieri – in queste revisioni e aggiornamenti, innanzitutto evitando di confermare l’introduzione di misure, pensate prima del Covid, come le nuove tempistiche della maturazione dei deterioramenti dei prestiti bancari e conseguentemente delle svalutazioni relative”.

“Quelle soglie, pensate prima del Covid – ha aggiunto Patuelli – erano già troppo sincopate, soprattutto per le abitudini italiane: ora, con e dopo il Covid, a maggior ragione, chiediamo siano ripensate e riviste. Così come non deve essere traumatico e frettoloso il passaggio dalle regole bancarie proprie dell’emergenza Covid a quelle post-pandemia, oltretutto quando la pandemia è ancora in atto e non si sa quando finirà”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su