Header Top
Logo
Domenica 5 Luglio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Regione Emilia-Romagna: 107 positivi, verso chiusura cluster Bologna

colonna Sinistra
Sabato 27 giugno 2020 - 21:07

Regione Emilia-Romagna: 107 positivi, verso chiusura cluster Bologna

Sono 11 i positivi sugli ultimi 190 tamponi fatti nell'azienda logistica

Roma, 27 giu. (askanews) – “Dopo l’allarme innescato nei giorni scorsi dalla scoperta di un consistente numero di positivi al coronavirus tra gli addetti, e loro familiari, di una azienda logistica di Bologna ora la situazione si avvia ad essere sotto controllo. I test di laboratorio, i cui risultati sono stati resi noti oggi, confermano che sugli ultimi 190 tamponi effettuati, 11 sono risultati positivi al coronavirus”, a sottolinearlo è la Regione Emiliano Romagna, facendo il punto sul focolaio alla Bartolini in zona Roveri. In totale per il focolaio della azienda logistica sono stati effettuati 328 tamponi, che hanno scoperto 107 positivi, di cui 95 asintomatici e 12 sintomatici, soltanto 2 dei quali ricoverati. Per il Centro di accoglienza di via Mattei, a cui sono collegati due lavoratori, sono stati isolati “alcuni casi risultati positivi” ed è stato disposto “l’avvio dell’indagine epidemiologica di tutti gli ospiti”.

“E’ un focolaio – commenta Raffaele Donini, assessore regionale alla Salute – che si avvia ad essere contenuto. Il ché dimostra sostanzialmente due cose: che il nostro sistema sanitario regionale sa come combattere il virus quando si manifesta, ma ci dice anche che nessuno deve pensare che Covid-19 sia un fenomeno che è ormai alle nostre spalle. Al contrario, se da un lato abbiamo più strumenti per combattere il virus, non possiamo certo permetterci adesso comportamenti individuali che non siano in linea con le regole che tutti dobbiamo rispettare. Non rendiamo vani i sacrifici che tanto stanno costando al nostro Paese”

“Fino all’arrivo del vaccino – prosegue l’assessore – la nostra convivenza col virus non deve più essere condotta in difesa, ma in attacco. E non deve lasciare spazio né ad atteggiamenti di sottovalutazione – anche per piccoli focolai – né di atteggiamenti di panico”. “La lotta al virus non conosce sosta – conclude l’assessore Donini – e anche quando il numero di casi era davvero alto, non è mai stata messa in discussione la tenuta del Servizio sanitario regionale”. (Segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su