Header Top
Logo
Sabato 4 Aprile 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Coronavirus, governo ferma le navi passeggeri: basta crociere

colonna Sinistra
Giovedì 19 marzo 2020 - 21:54

Coronavirus, governo ferma le navi passeggeri: basta crociere

De Micheli: stop in vigore fino al 3 aprile salvo proroga
Coronavirus, governo ferma le navi passeggeri: basta crociere

Roma, 19 mar. (askanews) – Stop alle crociere per l’emergenza coronavirus. La ministra delle infrastrutture Paola De Micheli ha firmato con il ministro della salute Roberto Speranza un decreto “con cui si sospendono i servizi di crociera per le navi passeggeri italiane e si blocca l’arrivo nei porti italiani delle navi da crociera battenti bandiera straniera”.

Per le navi battenti bandiera italiana, spiega il ministero dei trasporti, “le società di gestione, gli armatori e i comandanti delle navi italiane, una volta adottate tutte le misure di prevenzione sanitaria disposte, sono tenuti a sbarcare tutti i passeggeri presenti a bordo nel porto. La procedura di sbarco prevede che i passeggeri italiani non positivi al Covid-19 possano rientrare con i dispositivi di sicurezza alle loro abitazioni con mezzi non di linea organizzati dall’armatore per avviare il periodo di sorveglianza sanitaria fiduciaria domiciliare”.

Da quel momento “le navi battenti bandiera italiana non potranno più imbarcare passeggeri fino almeno al 3 aprile. Per i passeggeri non positivi al Covid 19, ma stranieri, l’armatore dovrà organizzare il rientro in patria con mezzo non di linea. Per gli eventuali passeggeri positivi, o entrati a stretto contatto con un caso positivo, valgono le disposizioni sanitarie già vigenti, salvo diverse determinazioni dell’autorità sanitaria”.

Le navi passeggeri battenti bandiera straniera “impegnate in servizi di crociera non potranno più fare ingresso nei porti nazionali. Le disposizioni del decreto saranno applicate già domani alla nave Costa Luminosa battente bandiera italiana in arrivo nel porto di Savona, e si applicheranno fino a 3 di aprile salvo proroga”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su