Header Top
Logo
Mercoledì 20 Novembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Porti italiani fanalino coda Mediterraneo, crescono meno di tutti

colonna Sinistra
Martedì 22 ottobre 2019 - 14:04

Porti italiani fanalino coda Mediterraneo, crescono meno di tutti

Confcommercio: burocrazia e riforme incompiute inceppano sistema
Porti italiani fanalino coda Mediterraneo, crescono meno di tutti

Cernobbio (CO), 22 ott. (askanews) – I porti italiani fanalino di coda del Mediterraneo: perdono quote di mercato mentre gli altri ne guadagnano. Le disconnessioni e le riforme incompiute ne bloccano la competitività, frenando la crescita del Paese: se il traffico portuale italiano crescesse anche solo del 5%, come quello spagnolo, genererebbe 775 milioni di valore aggiunto e circa 7.600 posti di lavoro, con un incremento del fatturato del complesso delle attività che gravano attorno al porto di oltre 2 miliardi. E’ quanto emerge dal Rapporto Isfort presentato al quinto Forum di Conftrasporto-Confcommercio, che descrive una Italia in netta controtendenza rispetto al complesso della portualità mediterranea.

Negli ultimi 10 anni, infatti, mentre gli altri porti del Mar Mediterraneo rosicchiavano a quelli del Nord Europa, che restano i padroni, circa il 7% delle quote di mercato continentale, il sistema italiano ne perdeva il 2%, passando da una quota dell’8% al 6%. Non solo: guardando al canale di Suez, tra il 2011 e il 2018 le tonnellate di merce in transito sono aumentate del 42% mentre i porti italiani hanno fatto registrare solo un +2%. Anche sul fronte dei container, tra il 2005 e il 2017 la crescita del traffico degli scali di tutto il Mediterraneo è stata del 46% mentre quella del sistema portuale italiano solo della metà (+23%).

Burocrazia e ritardo digitale inceppano il sistema, accusa Conftrasporto sottolineando come non sia ancora stato varato lo sportello unico doganale, atteso da 16 anni: ci vogliono 68 istanze da trasmettere a 18 amministrazioni diverse per svincolare le merci in import/export, un ritardo digitale che rallenta tutto il sistema. Andrebbe quindi promossa l’integrazione tra le operazioni doganali e le innovazioni sviluppate a supporto dell’efficienza della logistica.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su