Header Top
Logo
Domenica 20 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Iren: terzo green bond da 500 milioni, ordini per 2,1 miliardi

colonna Sinistra
Lunedì 7 ottobre 2019 - 19:12

Iren: terzo green bond da 500 milioni, ordini per 2,1 miliardi

Destinato a rifinanziamento progetti di sostenibilità ambientale
Iren: terzo green bond da 500 milioni, ordini per 2,1 miliardi

Roma, 7 ott. (askanews) – Iren ha concluso “con pieno successo” e per il terzo anno consecutivo l’emissione di un green bond da 500 milioni di euro. I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100mila euro e scadono il 14 ottobre 2029, pagano una cedola lorda annua pari a 0,875% e sono stati collocati a un prezzo di emissione pari a 99,345%. Il tasso di rendimento lordo effettivo a scadenza è pari a 0,944%, corrispondente a un rendimento di 110 punti base sopra il tasso midswap a 10 anni.

L’operazione ha avuto “una domanda superiore a 2,1 miliardi di euro (adesioni oltre quattro volte l’ammontare offerto) con un’elevata qualità, un’ampia diversificazione geografica e con una significativa partecipazione (circa il 50%) da parte degli investitori socialmente responsabili (Sri)”. I termini del bond “mostrano il forte apprezzamento del credito da parte degli investitori anche grazie al formato green, nonchè la capacità dell’emittente di selezionare la migliore finestra di mercato”.

Il green bond, aggiunge Iren, “che è destinato principalmente al rifinanziamento di progetti di sostenibilità ambientale, rappresenta uno strumento in grado di dare ancora maggiore concretezza alla vocazione green che ha caratterizzato il gruppo fin dalla sua nascita e contribuisce a rafforzare gli impegni declinati nel nuovo piano industriale che ha individuato nelle tutela delle risorse idriche, nell’economia circolare, nella decarbonizzazione e nelle città resilienti le aree di investimento legate ai target di sviluppo sostenibile al 2030 indicati dalle Nazioni Unite”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su