Header Top
Logo
Mercoledì 21 Agosto 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Genova, Costamagna (Gruppo Pellan):lavorare per Innovation Valley

colonna Sinistra
Sabato 27 luglio 2019 - 13:01

Genova, Costamagna (Gruppo Pellan):lavorare per Innovation Valley

L'imprenditrice: investiamo in ricerca ma serve cultura impresa
Genova, Costamagna (Gruppo Pellan):lavorare per Innovation Valley

Roma, 27 lug. (askanews) – “Valpolcevera può diventare una innovation valley, sono convinta infatti che dalla ricostruzione del ponte possono scaturire nuove energie”.

Lo evidenzia ad askanews Carlotta Costamagna, a capo del Gruppo Pellan, realtà che con la città di Genova, dall’azienda originaria Fiscatech fino all’ultima acquisizione della start up Bedimensional, spin off dell’Istituto italiano di tecnologia, ha costruito uno stretto rapporto sul fronte della ricerca e e delle applicazioni industriali connesse alla tecnologia. “Soprattutto – prosegue la giovane imprenditrice – se i mondi della ricerca svilupperanno una cultura di impresa. Il Gruppo Pellan li fiancheggia e partecipa con coraggio a questa grande sfida, quella della industrializzazione dei prodotti. Scaricare a terra il motore delle idee e delle innovazioni, questo il nostro compito nella speranza di avere a fianco anche le istituzioni locali”.

Con un fatturato consolidato di circa 73 milioni di euro e a 250 dipendenti, il Gruppo Pellan vede al suo interno diverse realtà, da quella agricola a quella della finta pelle, fino ai macchinari di precisione e all’ultimo investimento in una start up estremamente innovativa di materiali bidimensionali, il grafene in particolare, ma non solo: “L’investimento nella start up Bedimensional – 18 milioni di euro – conferma la grande vocazione delle aziende del gruppo ai temi della Ricerca e Sviluppo”. L’ultimo accordo firmato da Bedimensional è con Kask, finalizzato a promuovere maggior comfort ed allo stesso tempo maggior protezione ai caschi di ultima generazione. Inoltre, conferma Carlotta Costamagna, “abbiamo avviato rapporti con il mondo del MotoGP, all’insegna del Made in Italy”. E, tornando a Genova, “stiamo soprattutto immaginando, insieme a Fincantieri, la possibilità di utilizzare applicazioni di grafene per i materiali di ricostruzione del nuovo ponte”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su