Header Top
Logo
Lunedì 22 Aprile 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Vinitaly, Schenk Italian Wineries: sensibile aumento di buyer

colonna Sinistra
Giovedì 11 aprile 2019 - 15:57

Vinitaly, Schenk Italian Wineries: sensibile aumento di buyer

"Un'altra edizione all'altezza delle aspettative"
Vinitaly, Schenk Italian Wineries: sensibile aumento di buyer

Roma, 11 apr. (askanews) – “Anche questa edizione di Vinitaly è stata all’altezza delle nostre aspettative. Abbiamo avuto modo di incontrare operatori del settore provenienti da oltre 15 Paesi, riscontrando un sensibile aumento di buyer giapponesi, anche grazie al Trattato di Libero Scambio firmato da Ue e Giappone, oltre ad un buon numero di visitatori provenienti da Stati Uniti e Russia. L’apprezzamento per i nostri vini conferma le scelte intraprese in questi anni, scelte che puntano sempre di più alla valorizzazione dei nostri marchi del territorio, come Lunadoro, Bacio della Luna, Kellerei Auer, Casali del Barone, e che vanno ad esplorare nuovi mercati e nuove nicchie di settore, come le bevande ad alcol zero a base di vino che abbiamo presentato in Fiera. Siamo quindi soddisfatti e, dopo le conferme ricevute prima a Prowein e oggi a Vinitaly, guardiamo a questo 2019 con ancora più fiducia, certi di crescere rispetto ad un 2018 che comunque si è concluso positivamente, con un fatturato di 102,77 milioni di euro e una marginalità lorda di circa 3 milioni di euro, in linea con il 2017”. Così Daniele Simoni, Amministratore Delegato di Schenk Italian Wineries commenta il successo in termini di consensi e alto numero di visitatori dell’edizione 2019 di Vinitaly. Circa 300 le bottiglie stappate e oltre 2000 gli assaggi allo stand del Gruppo che conferma ancora una volta la sua sempre più forte vocazione produttiva.

“A Vinitaly – spiega Roberta Deflorian, Direttore Commerciale di Schenk Italian Wineries – è stato rinnovato il consenso alla linea di Casali del Barone, sia verso la selezione di rossi piemontesi considerata dal pubblico un’eccellenza nell’eccellenza sia per il nuovo Langhe DOC Bianco, un vino moderno ed easy. Grande soddisfazione anche per Lunadoro, sempre più considerata una delle cantine di riferimento per il Vino Nobile di Montepulciano. Per quanto riguarda le new entry, sono stati particolarmente apprezzati il Brut Nature e l’Organico di Bacio della Luna e abbiamo riscontrato una certa curiosità per le bevande de alcolate a base di vino della Linea Rivani: con questi prodotti stiamo approfondendo una particolare nicchia di mercato che ha tutte le carte in regola per rivelarsi molto interessante, soprattutto all’estero”.

Parola d’ordine di questa edizione è stata anche la sostenibilità, che Schenk affianca alle già riconosciute qualità e innovazione. L’azienda sta infatti lavorando per ottenere le certificazioni ICEA, con i vini biologici di Bacio della Luna e Masso Antico, e anche quelle Vegan e SQNPI. “Per riuscire a raggiungere questi obiettivi – conclude Roberta Deflorian – abbiamo iniziato ad utilizzare un vetro sempre più leggero, un packaging riciclabile e tappi in canna da zucchero e abbiamo visto che ciò è molto apprezzato dai consumatori, sempre più competenti e attenti alle tematiche della sostenibilità”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su