Header Top
Logo
Lunedì 22 Aprile 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Erg emette il suo primo green bond da 500 milioni di euro

colonna Sinistra
Giovedì 4 aprile 2019 - 21:18

Erg emette il suo primo green bond da 500 milioni di euro

"Le richieste superiori a sei volte l'ammontare offerto"
Erg emette il suo primo green bond da 500 milioni di euro

Roma, 4 apr. (askanews) – La Erg ha completato il collocamento di un prestito obbligazionario da 500 milioni di euro della durata di sei anni a tasso fisso, emesso nel quadro del programma Euro medium term notes (Emtn) da un miliardo. L’emissione “ha assunto la forma del green bond, destinato a finanziare o rifinanziare progetti di generazione di energia da fonti rinnovabili, eolica e solare”.

Il prestito, spiega la società genovese, “è rivolto esclusivamente a investitori istituzionali dell’Euromercato. L’emissione ha avuto ampio successo, ricevendo richieste pari a oltre sei volte l’ammontare delle obbligazioni offerte, da parte di investitori di primario standing e rappresentativi di numerose aree geografiche. Significativa la partecipazione di investitori green e sostenibili”.

Le obbligazioni “pagano una cedola lorda annua al tasso fisso dell’1,875% e sono state collocate a un prezzo di emissione pari al 99,674% del valore nominale”. Dall’11 aprile saranno quotate sul mercato regolamentato della Borsa di Lussemburgo. È previsto che Fitch attribuisca all’emissione un rating pari a BBB-.

“L’emissione del primo green bond di Erg – sottolinea l’amministratore delegato Luca Bettonte – si inquadra nella nostra strategia che prevede la progressiva evoluzione della struttura finanziaria del gruppo da project a corporate financing, coerentemente con il cambiamento prospettico dell’industry e con lo sviluppo atteso del nostro portafoglio di generazione”.

“L’operazione – aggiunge Bettonte – conferma ancora una volta la grande fiducia degli investitori verso Erg, e come il forte orientamento del nostro modello di business allo sviluppo sostenibile sia riconosciuto e valorizzato anche dal mercato finanziario”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su