Header Top
Logo
Venerdì 26 Aprile 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confindustria: premi collettivi per 3 lavoratori su cinque

colonna Sinistra
Giovedì 22 novembre 2018 - 11:28

Confindustria: premi collettivi per 3 lavoratori su cinque

Nelle imprese associate il 63,7% coperto da contratto aziendale
Confindustria: premi collettivi per 3 lavoratori su cinque

Roma, 13 nov. (askanews) – Nelle imprese associate a Confindustria vengono erogati premi collettivi per oltre 3 lavoratori su 5. E’ quanto emerge da un’indagine del centro studi di viale dell’Astrononmia (Csc) sul lavoro. L’annuale report sulle condizioni dell’occupazione ha registrato che nella prima metà dell’anno nell’industria in senso stretto il 63,7% dei lavoratori era coperto da un contratto aziendale che prevede l’erogazione di premi variabili collettivi (l’82,5% nelle imprese con almeno 100 dipendenti). La contrattazione aziendale di contenuto economico è meno diffusa nei servizi, dove i lavoratori coperti erano il 45,3%.

Oltre alla corresponsione di premi, il 15,8% dei contratti aziendali prevede la possibilità che questi siano convertiti in welfare. La diffusione di forme di partecipazione dei lavoratori agli utili è invece del 3,5% e quella di forme di coinvolgimento paritetico dei dipendenti nell’organizzazione del 4,1%. Il 57,6% delle imprese associate mette a disposizione dei propri dipendenti non dirigenti almeno un servizio di welfare.

La forma più diffusa è l’assistenza sanitaria: 43,5% in media, 76,1% per le aziende industriali con 100 o più addetti. Tra le grandi imprese dell’industria, inoltre, uno su 4 eroga somme e servizi di educazione, istruzione o ricreazione a favore di familiari dei dipendenti e uno su 10 offre contributi per l’assistenza a familiari anziani o non autosufficienti.

Si diffonde il lavoro agile: un’azienda su 20 lo ha già introdotto e una su 10 lo ritiene un tema di interesse da affrontare. E’ ancora in prevalenza regolato solo da accordi individuali, ma in un caso su 4 ad essi si affianca già un trattamento da regolamentazione e/o contratto aziendale. L’incidenza delle ore di assenza sulle lavorabili nelle aziende associate è rimasta nel corso del 2017 sui livelli del 2016 (6,5% da 6,6%) e si è confermata più elevata nei servizi (7,6% contro il 5,9% nell’industria in senso stretto) e nelle imprese più grandi (7,3% in quelle con 100 e più addetti; 4,4% in quelle fino ai 15).

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su