Header Top
Logo
Giovedì 19 Luglio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Moda, R&S Mediobanca: settore vale 4% Pil, 40% in mani straniere

colonna Sinistra
Mercoledì 14 febbraio 2018 - 15:03

Moda, R&S Mediobanca: settore vale 4% Pil, 40% in mani straniere

Cresce più della grande manifattura. Estero determinante
Moda, R&S Mediobanca: settore vale 4% Pil, 40% in mani straniere

Milano, 14 feb. (askanews) – Con un giro d’affari che nel 2016 ha superato i 66 miliardi di euro, le aziende del settore moda Italia rappresentano il 4% del Pil nazionale, crescono più della grande manifattura del nostro Paese per ricavi, profitti e forza lavoro, mantenendo ancora buoni margini (seppur in flessione). Non solo, si tratta di aziende con un’elevata solidità finanziaria: sono più capitalizzate e più liquide (hanno in cassa oltre 9 miliardi) rispetto ai valori della grande industria italiana. L’estero ha un ruolo sempre più determinante, con il tasso di esportazione che ha superato il 64%, valore che sale all’84% per i big italiani della moda. Ma soprattutto: il 40% è in mano straniera. E’ in sintesi il quadro che emerge dal rapporto annuale dell’Area Studi Mediobanca sul settore moda. Delle 146 aziende Moda Italia considerate (con ricavi oltre i 100 mln) 58 sono a controllo estero e di queste ben 23 sono in mani francesi, pari al 10,6% del fatturato totale.

Nel dettaglio, nel 2016 il giro d’affari dell’aggregato si è attestato a 66,1 miliardi, in aumento del 4,6% sul 2015 e del 25,8% sul 2012. Il fatturato estero, oltre a essere il più rilevante, è anche quello che è cresciuto maggiormente (+24,7% sul 2012). Nell’ultimo quinquennio l’industria della moda italiana si è ritagliata oltre mezzo punto percentuale in più sul Pil. A registrare i maggiori tassi di crescita è il comparto della gioielleria (+55,7% dal 2012).

Ombre sul fronte della redditività industriale, coi margini in frenata: nel quinquennio sono stati persi complessivamente 1,3 punti percentuali (ebit margin sceso al 9,6% nel 2016). La bottom line comunque vede il 2016 come il miglior anno del periodo considerato, con 3,36 miliardi di profitti netti.

Sul fronte dell’occupazione, nel 2016 le aziende manifatturiere della moda hanno dato lavoro a 300.674 persone: 52.212 unità in più rispetto al 2012 (+21%).

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su