Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Credit Suisse: ricchezza globale cresce, in Italia più milionari

colonna Sinistra
Martedì 14 novembre 2017 - 15:55

Credit Suisse: ricchezza globale cresce, in Italia più milionari

E negli ultimi 12 mesi c'è stata una accelerazione
20171114_155550_597412B0

Roma, 14 nov. (askanews) – La ricchezza globale ha continuano a crescere nonostante la crisi del passato decennio, tanto che rispetto ai livelli cui si attestava proprio nel 2007 oggi risulta aumentata di oltre un quarto: del più 27 per cento a quota 280.000 miliardi di dollari, secondo i calcoli di Credit Suisse, che ha appena presentato il suo Global Wealth Report 2017.

Lo studio rileva come negli ultimi 12 mesi questo incremento abbia mostrato una netta accelerazione, toccando il più 6,4 per cento. E dato che secondo la banca elvetica la crescita della ricchezza ha superato l’incremento demografico mondiale, è anche aumentata la ricchezza procapite, a 56.540 dollari per ogni adulto questa voce ha segnato un più 5,4 per cento.

Una tendenza che ha coinvolto l’Europa e l’Italia, dove anzi lo studio di credit Suisse ha registrato un incremento sul numero di milionari, a quota 1.288 dai 1.150 milionari del 2016: un più 12 per cento, su cui si fa sentire anche l’apprezzamento dell’euro rispetto al dollaro (la classifica infatti considera i milionari in valuta Usa). La dinamica è destinata a proseguire, seppure a ritmi più contenuti visto che secondo la banca da qui al 2022 i milionari in Italia cresceranno di un ulteriore 13 per cento a 1.451 totali.

Al tempo stesso però, sempre secondo il Credit Suisse, l’Italia assieme al Giappone è uno dei Paesi della top ten sulla ricchezza procapite in cui i livelli di disuguaglianza sono inferiori alla media. E un altro aspetto chiave dello studio sta nel fatto che a differenza del livello di ricchezza totale, il valore medio di ricchezza procapite nel 2007 non ancora tornato al di sopra dei valori del 2007, salvo in Cina dove è tornato a quelle soglie.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su