Header Top
Logo
Sabato 23 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Aumento di capitale Satispay: raccolta record a 18,3 mln

colonna Sinistra
Giovedì 7 settembre 2017 - 11:41

Aumento di capitale Satispay: raccolta record a 18,3 mln

Tra i nuovi ingressi: Banca Etica, Banca Sella e Shark Bites
20170907_114144_27C5ABC6

Milano, 7 set. (askanews) – Raccolta record per Satispay, la giovane impresa italiana che ha lanciato un sistema di mobile payment indipendente e alternativo ai circuiti tradizionali. Il terzo round di investimento, proposto con un target iniziale di 12 milioni di euro, si è chiuso con una raccolta di 18,3 milioni, portando così la raccolta complessiva a 26,8 milioni di euro e ad una valutazione post money della società di circa 66 milioni.

L’operazione segna anche l’ingresso nel capitale sociale di nuovi partner chiave, istituzionali e industriali. Tra questi figurano: Banca Etica, Banca Sella Holding, e Shark Bites, il Venture Capital fondato da importanti nomi dell’imprenditoria italiana attivi nel settore digitale e tradizionale, che potranno sostenere la crescita di Satispay anche in una logica industriale.

I nuovi soci si aggiungono agli investitori che hanno sostenuto già nelle prime fasi il progetto Satispay, tra questi: Jonathan Weiner e Ray Iglesias (fondatori del progetto Google Wallet e, in seguito, di Money2020), Nicola Carbonari (Fondatore di Autoscout24), Giuseppe Donagemma (già Vice President Networks di Samsung Electronics e Nokia), e un importante investitore e partner industriale come Iccrea Banca, che ha riconfermato la propria fiducia sottoscrivendo anche il nuovo aumento di capitale.

“La composizione dei nuovi investitori istituzionali, evidenzia chiaramente l’interessante partecipazione di istituti bancari particolarmente impegnati nello sviluppo di processi di innovazione e digitalizzazione, interpreti di un trend mondiale che vede proprio nel fintech una sfida che rappresenta però una grande opportunità anche per gli operatori tradizionali che sanno coglierla guardando avanti – ha commentato Giandomenico Genta, presidente di Satispay – Proprio quanti hanno avuto la possibilità di vedere in anticipo come può diventare l’ecosistema Satispay, sono ora parte dei nuovi investitori che hanno aderito all’aumento. Infatti, tra i soci figurano importanti realtà industriali e soggetti privati del territorio cuneese, dove il servizio ha debuttato e iniziato prima che altrove a svilupparsi. Qui, con un utilizzo regolare da parte di circa il 35% della popolazione tra privati e commercianti, imprenditori dell’area hanno potuto osservare personalmente, e in anticipo di circa un anno rispetto al resto del territorio, le potenzialità di Satispay, decidendo di partecipare al progetto”.

Tra i nomi di rilievo appartenenti a questa categoria di investitori, c’è anche Egea, multiutility operativa nei settori dell’ambiente e dell’energia, con sede ad Alba e attiva su tutto il territorio nazionale. Il Gruppo Egea opererà come partner industriale per Satispay al fine di creare importanti sinergie e portare forte innovazione nel mercato dei pagamenti ricorrenti.

Attiva sul mercato da gennaio 2015, con una strategia “merchant first”, che mira a creare la prima soluzione di pagamento elettronico adatta a tutte le tipologie di esercenti, dal piccolo bar a conduzione familiare ai grandi brand leader nella GDO e nel retail, off e online, oggi Satispay conta oltre 330.000 download dell’applicazione e più di 175.000 utenti attivi – con un tasso giornaliero di crescita di 600 nuove sottoscrizioni – che quotidianamente si scambiano denaro e spendono, con una media di 8 volte al mese, in 19.000 esercizi commerciali convenzionati in tutta Italia e che crescono costantemente di circa 70 nuovi al giorno.

“L’aumento di capitale è stato realizzato con l’obiettivo di consolidare la nostra posizione di leader nazionale del mobile payment, e investire in nuovi servizi a valore aggiunto, come il cashback, che diventerà sempre più sofisticato, la vendita di beni e servizi direttamente attraverso la piattaforma, come nel caso delle ricariche telefoniche appena partito con grande successo, la rateizzazione dei pagamenti con ricorso al credito al consumo previsto per questo autunno e molto altro – ha aggiunto Alberto Dalmasso, co-founder e CEO di Satispay – Vogliamo rendere Satispay il primo sistema di pagamento capace di diventare uno strumento potente nelle mani degli esercenti, per rafforzare la relazione con i propri clienti, comunicando promozioni e servizi insieme alla possibilità di rateizzare i pagamenti”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su