Header Top
Logo
Sabato 23 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Startup, al via il concorso internazionale Start Jerusalem

colonna Sinistra
Lunedì 4 settembre 2017 - 14:28

Startup, al via il concorso internazionale Start Jerusalem

Promosso in Italia dall'Ambasciata d'Israele e LUISS ENLABS
20170904_142803_68FB1FD3

Roma, 4 set. (askanews) – Il ministero israeliano degli Affari esteri e la Jerusalem Development Authority, in collaborazione con Intel, lanciano un nuovo contest legato all’ecosistema dell’innovazione della città di Gerusalemme. L’evento è promosso in Italia dall’Ambasciata d’Israele e dall’acceleratore di startup capitolino LUISS ENLABS.

Al contest parteciperanno startupper provenienti da oltre 30 Paesi tra cui Stati Uniti, Giappone, Germania, Australia, Russia, India e Brasile. Possono prendere parte al concorso, si legge in un comunicato, le startup: attive nei settori ICT (web, mobile, IoT) e nell’elaborazione di progetti d’imprenditorialità sociale e/o innovazione urbana finalizzati a migliorare la qualità della vita delle comunità; che abbiano già ricevuto un seed fund; che abbiano già un prototipo pronto; che abbiano il CEO/founder di età compresa tra i 25 e 37 anni.

Per partecipare è necessario inviare, da lunedì 4 settembre entro la mezzanotte di mercoledì 4 ottobre 2017, un’email all’indirizzo startjerusalem@roma.mfa.gov.il contenente: il link ad un video pitch in lingua inglese di presentazione del progetto (massimo 5 minuti); un executive summary in lingua inglese di 500 parole (massimo 1 pagina); un CV in lingua inglese del founder o del CEO che partecipa al contest; il link ad una demo del prodotto (opzionale).

I vincitori della competizione – spiega ancora la nota – parteciperanno dal 5 all’11 novembre 2017 ad un workshop in uno degli acceleratori delle migliori compagnie high-tech israeliane. Nel corso di questa settimana incontreranno mentor e vc, parteciperanno a sessioni di lavoro e ad una pitch session con esponenti di rilievo dell’innovazione israeliana. Organizzata in 4 poli tecnologici – Har Ha’Hotzvim, Givat Ram, Hadassah Ein Karem e Malcha -, quest’anno Gerusalemme è stata protagonista della più grande exit nella storia dell’innovazione israeliana: la compagnia Mobileye, che opera nel settore delle auto a guida autonoma, e che è stata acquisita da Intel per 15 miliardi di dollari.

(Fonte: Cyber Affairs)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su