Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Veratour, bilancio 2016 in attivo con redditività in crescita

colonna Sinistra
Giovedì 16 febbraio 2017 - 16:25

Veratour, bilancio 2016 in attivo con redditività in crescita

Utile netto sale a 6,3 milioni di euro
20170216_162506_BA60443D

Roma, 16 feb. (askanews) – Chiude in attivo il bilancio 2016 di Veratour. Il gruppo chiude infatti l’anno con il 27° bilancio in attivo consecutivo e con un notevole aumento della redditività rispetto al 2015. L’Ebt (risultato prima delle imposte)infatti si assesta a 9,3 milioni di euro con un utile netto di 6,3 milioni in considerevole aumento rispetto all’anno precedente (era di 4,2 milioni di euro nel 2015, +49,62%). Questo aumento della redditività netta rappresenta un grande successo per il tour operator che fin dalla sua fondazione nel 1990, ha sempre chiuso i suoi bilanci in utile.

Per quanto riguarda gli altri dati al 31 dicembre 2016 il fatturato è di 177 milioni di euro, in leggera flessione (-5,62%) rispetto ai 187,5 milioni di euro del 2015 e un Ebitda (margine operativo lordo) di 9,82 milioni di euro (rispetto ai 6,196 milioni dell’anno precedente). Nonostante gli indicatori economici italiani e la situazione politica internazionale abbiano caratterizzato in negativo lo scenario degli ultimi anni, nel 2016 l’azienda è riuscita a chiudere l’Esercizio con un EBIT (margine operativo netto) di circa 9,62 milioni di euro (contro i 5,97 milioni del 2015). Dal punto di vista finanziario, l’anno si chiude con una posizione netta finanziaria (PNF) di 23,900 milioni rispetto ai 20,500 milioni del 2015.

Analizzando l’andamento dei conti Veratour si evince che al 2010 Egitto e Tunisia incidevano per il 35,4% sull’intero fatturato, per un totale di ricavi nell’esercizio 2010 di oltre 60 milioni di euro (61.562.000), mentre nell’esercizio 2016 l’incidenza è stata del 3,28% e la quota totale di ricavi di poco più di 5 milioni di euro (5.653.000). A compensare l’ammanco soprattutto il potenziamento del lungo raggio (apertura di 6 nuovi villaggi tra il 2013 e il 2016) e del Mediterraneo (apertura di 5 nuovi villaggi tra il 2013 e il 2016).

“Diversificare l’offerta è una politica che fa parte della visione Veratour a prescindere dalle contingenze, – spiega Carlo Pompili Amministratore Delegato Veratour – vogliamo che i nostri clienti possano avere ampie possibilità di scelta. Questa nostra visione è stata decisiva all’emergere di problematiche geo-politiche. Ci siamo resi conto tempestivamente di dover agire ed abbiamo progressivamente rimodulato la nostra offerta. Siamo riusciti a trasformare un problema in un’opportunità e i dati di bilancio lo confermano: gli investimenti in aree considerate sicure come Italia, Spagna, Grecia ed altre mete a medio e lungo raggio hanno portato un grande valore aggiunto e permesso di recuperare le importanti perdite di fatturato derivate dalle mancate vendite di prodotti quali Egitto e Tunisia e, dal 2016, anche Turchia”.

Per consolidare la sua leadership e intercettare le più recenti istanze dei clienti, Veratour allargherà nel 2017 l’offerta di strutture in Italia con due nuovi villaggi (Puglia e Calabria) che, insieme ai quattro villaggi in Sardegna e a quello in Sicilia, coprono alcune delle zone più suggestive del nostro Paese. L’obiettivo a medio termine dell’azienda è di mantenere una crescita media compresa tra il 7 e il 10% l’anno fino al 2019, dove si propone di raggiungere un fatturato di 230 milioni di euro.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su