Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Tim, Regione Piemonte: azienda sospenda trasferimenti a Roma

colonna Sinistra
Giovedì 16 febbraio 2017 - 19:06

Tim, Regione Piemonte: azienda sospenda trasferimenti a Roma

"Scelta in contraddizione con intenzione di investire a Torino"

Torino, 16 feb. (askanews) – Sospendere i trasferimenti di 265 dipendenti Tim da Torino e Milano a Roma: è la richiesta avanzata all’azienda dalla Regione Piemonte, dai Comuni di Torino e Grugliasco, nel corso di un incontro che si è svolto oggi a Torino presso l’assessorato piemontese al Lavoro tra Tim e sindacati. All’incontro hanno preso parte anche l’assessora regionale Gianna Pentenero, gli assessori del comune di Torino Alberto Sacco e Grugliasco Anna Maria Cuntrò e i consiglieri regionali Rossi e Frediani.

“Esprimiamo grande preoccupazione – hanno detto Pentenero, Sacco e Cuntrò – per una scelta di cui non risultano chiare le reali motivazioni e che appare in contraddizione con l’intenzione, confermata ancora oggi dall’azienda, di investire su Torino e il Piemonte”.

“Lanciamo quindi un appello a Tim – aggiungono i rappresentanti delle istituzioni – affinché riveda la propria decisione, e proporremo alla Regione Lombardia di richiedere unitariamente un incontro al ministero dello Sviluppo economico”.

L’assessore Pentenero ha inoltre promesso che avvierà dei contatti “con l’amministratore delegato di Tim per avere ulteriori chiarimenti sulla situazione e cercare di favorire la ripresa delle relazioni sindacali, al fine di giungere a una soluzione che salvaguardi l’interesse dei lavoratori e lo sviluppo del nostro territorio”.

Alcuni dirigenti – secondo quanto riferiscono i sindacati – hanno già ricevuto le lettere di trasferimento e in tutto sono 108 i lavoratori torinesi che l’azienda vorrebbe trasferire a Roma. “Le sedi interessate sono quelle di via Reiss Romoli e di Corso Bramante a Torino – ha riferito Fabrizio Aquilini della Slc Cgil – le motivazioni dei trasferimenti sono inconsistenti, in quanto legate alla razionalizzazione degli spazi”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su