Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Istat, ancora proteste precari a Roma, davanti a direzione PD

colonna Sinistra
Lunedì 13 febbraio 2017 - 14:34

Istat, ancora proteste precari a Roma, davanti a direzione PD

Una delegazione è stata ricevuta dal presidente PD Matteo Orfini
20170213_143353_1F50441B

Roma, 13 feb. (askanews) – Proseguono le proteste dei 350 lavoratori precari dell’Istat la cui regolarizzazione, inclusa in un emendamento in Senato, è appesa a un filo. Le manifestazioni si sono spostate a Largo del Nazareno dove si sta svolgendo la direzione del PD. Una delegazione dei lavoratori dell’Istat, hanno reso noto i lavoratori, è stata ricevuta dal presidente del PD Matteo Orfini

” Da mesi – sottolineano i precari dell’Istat in una nota – viene rinviato un provvedimento che rappresenterebbe la soluzione del precariato per l’Istituto Nazionale di Statistica. Tutti gli esponenti del Governo e del Partito Democratico incontrati in questi mesi non hanno fatto mai alcuna obiezione di merito sulla nostra stabilizzazione”.

“Eppure nel Decreto Milleproroghe – che ha già affrontato e risolto le situazioni di precariato di altri due Enti della Pubblica Amministrazione con provvedimenti identici a quello che rivendichiamo (l’Istituto Superiore di Sanità e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) – l’emendamento che ci riguarda è fortemente a rischio e risulta accantonato in Commissione Affari Costituzionali e Bilancio del Senato da oltre dieci giorni, in attesa del via libera del Governo che stenta ad arrivare”.

“Vogliamo _ conclude la nota dei precari Istat – che la Direzione del Partito Democratico si assuma la responsabilità di spiegare perché altre stabilizzazioni sono possibili ma non la nostra che, peraltro, non comporta oneri aggiuntivi a carico delle casse dello Stato. Non vorremmo essere tenuti ostaggio del dibattito interno al Partito Democratico, senza nessuna attenzione al merito delle nostre vite e della nostra vertenza che parla di persone impiegate nel mondo della Ricerca Pubblica”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su