Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue,Moscovici apre su flessibilità conti per terremoto e rifugiati

colonna Sinistra
Giovedì 6 ottobre 2016 - 18:47

Ue,Moscovici apre su flessibilità conti per terremoto e rifugiati

E per terrorismo. Su conti ci sono regole "precise, limitate"
20161006_184736_7012C980

Washington, 6 ott. (askanews) – La Commissione europea apre alla flessibilità dei conti pubblici per Paesi membri come l’Italia e, per bocca del commissario agli Affari economici Pierre Moscovici, si dice “pronta a considerare le spese per la crisi di rifugiati o un terremoto o di un Paese che soffre attacchi terroristici come il Belgio”.

Moscovici, parlando all’Atlantic Council a Washington a margine degli incontri annuali del Fondo Monetario Internazionale, ha precisato che tali “flessibilita’ sono precise, limitate e chiaramente spiegate”. In generale “un Paese deve rispettare i criteri e ridurre il debito, e’ il principale problema di Italia e Belgio”. Poi “ci sono ovviamente casi specifici come la Grecia”, che ha ricevuto un programma di aiuti dai partner Ue.

Le posizioni di Bruxelles secondo l’esponente comunitario non sono certo una novità. Moscovici ha spiegato che la Commissione Ue ha “detto chiaramente cosa e’ la flessibilita’ nel gennaio 2015. Dobbiamo incoraggiare i Paesi che creano molti investimenti, lo abbiamo fatto con l’Italia. Dobbiamo aiutare il Paese che porta avanti riforme strutturali affinche’ possa avere piu’ tempo, lo abbiamo fatto con l’Italia. Abbiamo detto che saremmo pronti a considerare spese per la crisi di rifugiati o un terremoto o un Paese che soffre attacchi terroristici come il Belgio. Queste flessibilita’ sono precise, limitate e chiaramente spiegate”.

Moscovici, parlando poi a Bloomberg Tv ha anche segnalato la “minaccia populista” che attualmente c’è in Italia. E ha aggiunto che proprio per questo “sosteniamo gli sforzi di Renzi affinche’ sia un partner forte nella Ue”.

Quanto alla Bce, Moscovici ha detto di sostenere “pienamente” il presidente Mario Draghi segnalando che la politica monetaria non può essere lasciata sola per sostenere la crescita. “La politica monetaria – ha detto – non e’ l’unico gioco in citta’”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su