Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

colonna Sinistra
Giovedì 7 luglio 2016 - 11:00

Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

Boeri: costi amministrativi superiori a somme erogate
20160707_110047_D874AA37

Roma, 7 lug. (askanews) – Il part-time agevolato, introdotto dall’ultima legge di stablità e in vigore dal 2 giugno, rischia di essere un flop. Nel primo mese sono infatti stati poco più di 100 i beneficiari. Il numero di coloro che hanno deciso di utilizzare questa misura sperimentale è stato fornito dal presidente dell’Inps, Tito Boeri, illustrando il rapporto annuale dell’istituto e sottolineando che il part-time agevolato “sin qui è destinato ad avere costi amministrativi superiori alle somme erogate”.

Il part-time agevolato consente un’uscita graduale ai lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato in possesso del requisito contributivo minimo per il diritto alla pensione di vecchiaia e che perfezionano quello sull’età pensionabile entro il 31 dicembre 2018. E’ possibile in questo caso per il lavoratore concordare con il datore di lavoro una riduzione del proprio orario di lavoro tra il 40 e il 60%, percependo in busta paga oltre alla retribuzione per l’attività lavorativa svolta anche una somma esente dall’Irpef pari ai contributi a carico del datore di lavoro corrispondenti alla retribuzione persa. Il lavoratore che accede al part-time agevolato non subisce così alcuna perdita sulla propria pensione perché viene comunque garantita la contribuzione piena con accredito figurativo per la quota che copre la retribuzione persa per le ore non lavorate. Ai fini del computo della pensione, quindi, gli anni a tempo parziale sono considerati pienamente.

Lo start up di questa disciplina è avvenuto lo scorso 2 giugno e “non è ancora possibile valutare quanto sia attraente per i lavoratori e per le aziende – spiega il rapporto dell’Inps – i primi dati testimoniano una partenza rallentata, ma sono ancora da considerarsi poco significativi”. I dati aggiornati al 21 giugno riferiscono di 238 domande presentate. Sono 85 quelle accolte, 84 le respinte e 69 quelle giacenti.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su