Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Brexit, Visco: rischio sono le turbolenze nei mercati finanziari

colonna Sinistra
Mercoledì 22 giugno 2016 - 09:48

Brexit, Visco: rischio sono le turbolenze nei mercati finanziari

Italia non è messa molto bene
20160622_094836_51E904F9

Roma, 22 giu. (askanews) – “Il rischio è che un’incertezzaprolungata nell’Unione europea, anche su decisioni fondamentali come l’Unione dei mercati dei capitali, possa determinare turbolenze nei mercati finanziari”. Lo afferma, in un forum sul Sole 24 Ore il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco parlando della Brexit.

“In assenza di interventi di natura politica – sottolinea Visco -, si fa sempre riferimento a possibili interventi della Bce. Ma la Bce non può migliorare le condizioni strutturali dell’economia né aumentare l’integrazione tra i diversi Paesi: può solo intervenire per evitare gli effetti negativi del materializzarsi di alcuni rischi”.

Per il governatore “i rischi potrebbero colpire il mercato azionario, quello dei titoli pubblici, il mercato valutario, la valutazione e il finanziamento delle banche; per i rischi legati a carenze di liquidità la Bce può intervenire con tutti gli strumenti che ha a disposizione. Ma non vi sono nuove misure create ad hoc per far fronte al rischio di instabilità finanziaria che potrebbe colpire alcune economie: gli strumenti ci sono già. Pensiamo per esempio alle Omt, che sono state pensate nel 2012 per difendere l’area euro dal rischio di frammentazione e di ridenominazione: questi sono dunque rischi su cui si può intervenire con gli strumenti già esistenti.Ma nessuno di questi strumenti può affrontare problemi di natura strutturale”.

Se la domanda è – aggiunge Visco – “quanto l’Italia si trovi in posizione di svantaggio rispetto ad altri paesi, sappiamo che non siamo messi molto bene, ma secondo alcuni indicatori di sensibilità a Brexit, tra i 20 Paesi più in pericolo in caso di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea l’Italia si trova agli ultimi posti. Ai primi ci sono paesi molto integrati con il Regno Unito sul piano reale o su quello finanziario, quali Irlanda e Lussemburgo; anche per Francia e Germania gli effetti potenziali sono considerati maggiori che per l’Italia. Il nostro interscambio di beni e servizi con la Gran Bretagna è intorno al 3% del Pil”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su