Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pensioni, Nannicini: ascoltiamo i sindacati ma poi decidiamo noi

colonna Sinistra
Domenica 29 maggio 2016 - 09:31

Pensioni, Nannicini: ascoltiamo i sindacati ma poi decidiamo noi

Tuteleremo i redditi bassi
20160529_093135_6B7C2E04

Roma, 29 mag. (askanews) – Il sistema previdenziale “è in equilibrio, finanziariamente e nei rapporti tra generazioni. Il problema è la mancanza di flessibilità delle scelte individuali, che paradossalmente pesa su chi è vicino alla pensione”. I sindacati siedono al tavolo e faranno le loro proposte ma alla fine sarà il governo a decidere. Così il sottosegretario alla presidenza del consiglio Tommaso Nannicini che, in un’intervista a La Stampa, ribadisce l’intenzione del governo di intervenire anche a favore delle pensioni basse: “Aiutare le pensioni basse fa parte delle misure da introdurre di qui alla fine della legislatura. Di qui ad allora ci saranno due leggi di Stabilità. Le priorità le deciderà il presidente del Consiglio con i ministri Padoan e Poletti”.

“E’ giusto coinvolgere le parti sociali. Ma sarà una concertazione fatta secondo regole diverse dal passato: ascolteremo le loro ragioni, in alcuni casi le faremo nostre, poi però a tirare le fila sarà il governo nella sua autonomia. Due studiosi olandesi, con un termine un po’ forte, la definiscono ‘l’ombra della gerarchia’. Solo – osserva il consigliere economico del premier – se c’è quella e se c’è una politica con le idee chiare, la concertazione funziona”.

Su chi lascerà il lavoro in anticipo il governo ha individuato tre categorie di persone: “chi ha necessità di andare in pensione perché ha perso il lavoro e non riesce a trovarne un altro, chi preferisce andare prima e per questo accetta una penalizzazione, infine chi lavora in un’azienda che ha necessità di una ristrutturazione. Sia chiaro: sono tre obiettivi importanti e dignitosi, ma non possono costare sette miliardi di euro in un anno. Le risorse servono per la crescita”, sottolinea. L’ipotesi di intervento è limitata ai tre anni precedenti l’età prevista per la pensione di vecchiaia. Ma al momento “è un’ipotesi di lavoro. I dettagli li decideranno governo e Parlamento con la legge di Stabilità, sentite le parti sociali”, aggiunge.

Sul coinvolgimento di banche e assicurazioni, Nannicini spiega che “il prestito non comporta alcuna garanzia reale, come avviene ad esempio quando si sottoscrive un mutuo. Se ad esempio il pensionato dovesse mancare durante il periodo di vigenza del prestito, pagherà un’assicurazione. Non solo: finito il periodo del prestito, il nostro progetto prevede l’applicazione di una detrazione fiscale che per i redditi più bassi arriverà a coprire un pezzo della penalizzazione, quindi anche del capitale prestato nel periodo di anticipo”. E il costo per le casse pubbliche sarà “di gran lunga meno della gran parte delle proposte in campo”. Ad esempio per i redditi medio-alti la penalizzazione “sarà alta, perché in quel caso la detrazione sarà minima o assente”. Al contrario, per i redditi bassi o per i disoccupati “la penalizzazione sarà molto piccola”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su