Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Vegas: vicenda 4 bad bank non intacca validità vigilanza Consob

colonna Sinistra
Lunedì 9 maggio 2016 - 11:43

Vegas: vicenda 4 bad bank non intacca validità vigilanza Consob

Dimensioni limitate ma fortissimo impatto emotivo su risparmiatori
20160509_114346_59B470FA

Milano, 9 mag. (askanews) – Le vicende relative alla liquidazione di Banca Etruria, Banca Marche, Cariferrara e CariChieti “non mettono in discussione la validità di fondo dei modelli di vigilanza sulla prestazione dei servizi di investimento”. Il presidente di Consob, Giuseppe Vegas, rivendica così la correttezza dell’operato della Commissione nella vicenda delle 4 bad bank, sottolineando come il modello di vigilanza è stato positivamente valutato sia dall’Fmi sia dall’Esma. Inoltre, ha spiegato, i prospetti e i supplementi informativi che accompagnavano le emissioni “erano stati redatti nel rispetto delle regole di trasparenza previste dalle norme sul prospetto informativo”.

La vicenda di Banca Etruria, Banca Marche, Cariferrara e CariChieti “seppur di dimensioni limitate in termini relativi – ha comunque riconosciuto Vegas – ha scosso profondamente la fiducia dei risparmiatori e dell’opinione pubblica nel sistema bancario e ha avuto un fortissimo impatto psicologico ed emotivo.In seguito ad esso è radicalmente cambiata la percezione dei rischi insiti nell’investimento in depositi e strumenti finanziari emessi da banche”.

Con la vicenda delle 4 bad bank, ha sottolineato Vegas, si è imposto all’attenzione dell’opinione pubblica i tema delle obbligazioni subordinate. Le quattro banche – ha spiegato – avevano in circolazione obbligazioni subordinate per un controvalore complessivo di poco più di 1 miliardo di euro, di cui circa il 70% emesse prima del 2008, in un contesto di mercato completamente diverso da quello attuale. L’ultima emissione destinata ai clienti al dettaglio è avvenuta nell’ottobre 2013.

L’importo in possesso della clientela retail, al 30 giugno 2015 – ha sottolineato Vegas – era di 374 milioni, pari all’1,17% del totale dei bond subordinati emessi da banche italiane detenute dalla clientela retail e allo 0,03% del totale degli strumenti finanziari della clientela retail detenuti presso le banche.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su