Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Conclusa Car Innovation, Call per startup disruptive automotive

colonna Sinistra
Mercoledì 13 aprile 2016 - 11:04

Conclusa Car Innovation, Call per startup disruptive automotive

Premiata l'innovazione legata ad elettronica e meccanica
20160413_110400_89D3E9E6

Roma, 13 apr. (askanews) – Si è conclusa Car Innovation 2016, la call for ideas che ha coinvolto le startup che vogliono realizzare business disruptive nel settore automotive, sviluppando progetti che vanno dalle auto connesse agli autonomous vehicle, dall’intrattenimento di bordo alla sicurezza informatica. La competition è stata lanciata da euro engineering, società di consulenza ingegneristica del gruppo Adecco e dal business incubator Digital Magics.

Fra gli oltre 30 progetti inviati all’indirizzo http://carinnovation.digitalmagics.com/, sono stati selezionati i 12 finalisti che hanno partecipato a una sessione di mentorship e tutoring per lo sviluppo dell’idea, organizzati da Digital Magics ed euro engineerig e hanno avuto la possibilità di presentare le loro innovazioni ad aziende di primaria importanza del mercato automotive italiano e non solo, presso lo spazio di co-working TAG Milano Calabiana.

“Abbiamo avuto non poche difficoltà per scegliere i 10 progetti finalisti perché il numero di quelli interessanti era più alto, infatti ne abbiamo selezionati 12 – commentano Marco Guarna, Managing Director di euro engineering Italia, ed Edmondo Sparano, Chief Digital Officer e Consigliere di Digital Magics -. Alla fine abbiamo preferito le startup innovative, le più ‘hardware’ e pesanti, quelle legate all’elettronica, ma anche alla meccanica, cercando di dare una fotografia il più completa e ampia possibile dello scenario ‘car innovation’ in Italia”.

Tornando agli innovativi vincitori, ecco BerMat, piattaforma software e hardware per la creazione di auto personalizzate, scegliendo design, finiture e performance. Poi BRAIN One, prima telemetria smart per gli action sport, utilizzabile per qualsiasi tipo di attività. Ancora, CarMe.io, una piattaforma di servizi software SAAS: fleet management, car pooling e car sharing.

DriWe è invece una startup che ha già destato forte interesse a Londra e in Italia, ha trasformato la mobilità elettrica da un sogno per pochi a una realtà quotidiana per tanti, grazie a una suite integrata hardware e software. All’ultimo momento non ha potuto partecipare all’evento finale di Car Innovation 2016, ma resta uno dei progetti più interessanti fra i finalisti. Scorrendo la lista ecco ancora Egoista Motors, prima monoposto (design tipo Formula Uno) elettrica e/o ibrida, low cost, nella storia dell’automobilismo.

Inoltre Kiunsys, che sviluppa una serie di soluzioni innovative (hardware e software) per la smart mobility, lo smart parking e la city logistic che aiutano le città a rendere la mobilità più efficiente e sostenibile, e INES Cloud, la prima piattaforma che consente di gestire in maniera unificata le regole, i processi e i servizi che governano l’accesso, il transito e la sosta di veicoli e persone in città, integrando anche hardware e servizi esistenti.

MDPtech ha ideato invece iTec, innovativo sistema di controllo per mobile electronic dedicato a veicoli industriali, commerciali, macchine operatrici e agricole, mentre Powerseed CommuteBoard ha sviluppato un nuovo concetto di “veicolo” per il mix-commuting urbano: uno scooter elettrico a 2 ruote evoluzione degli attuali “hoverboard”, facilmente trasportabile, pratico, connesso e ricaricabile in auto.

SHU è infine un innovativo sistema di supporto per la ricarica delle batterie dei mezzi di trasporto ibridi/elettrici (auto, bus, furgoni, tir, macchine agricole e navi) che utilizza turbine eoliche ad asse verticale, mentre Spin8 fornisce un servizio chiavi in mano del sistema di ricarica (Hw/Sw) aperto a tutti i modelli di veicoli elettrici e con una piattaforma per rendere il sistema accessibile a tutti anche da smartphone e arricchendo di servizi a valore per i diversi segmenti di mercato, con Unlimited Car Communication (UCC) che ha invece sviluppato un’applicazione che legge ad alta voce i messaggi che arrivano sul cellulare, e-mail e social network, senza la necessità di guardare o toccare lo smartphone mentre si guida.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su