Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • 8 marzo,Italia 21ma in classifica Economist parità donne al lavoro

colonna Sinistra
Martedì 8 marzo 2016 - 14:49

8 marzo,Italia 21ma in classifica Economist parità donne al lavoro

Perse 3 posizioni dal 2015, su podio Islanda, Norvegia, Svezia
20160308_144859_E8E81118

Roma, 8 mar. (askanews) – Islanda, Norvegia e Svezia sono i tre Paesi sviluppati dove le donne hanno le migliori possibilità di avere parità di trattamento. E’ questo il verdetto dell’ultimo indice, ‘glass ceiling’, letteralmente ‘soffitto di vetro’, elaborato dal settimanale The Economist sulla base di una serie di parametri che spaziano dall’istruzione superiore alla partecipazione alla forza lavoro, dai costi dell’assistenza all’infanzia ai diritti connessi alla maternità, dalle domande per le scuole di gestione aziendale alla rappresentanza femminile ai vertici delle imprese.

L’Italia figura al 21mo posto, in retroguardia rispetto agli altri due principali paesi dell’Eurozona, la Francia (7mo posto) e la Germania (17) ma prima del Regno Unito (24).

Le ricerche – sottolinea The Economist – dimostrano che dove i nuovi padri prendono il congedo parentale, le madri tendono a tornare sul mercato del lavoro e l’occupazione femminile è più alta mentre il differenziale retributivo tra i due sessi è più basso. Da questo punto di vista non è dunque una sorpresa che i paesi nordici, Islanda, Norvegia, Svezia e Finlandia siano in cima alla classifica. Le cifre parlano da sole. la Finlandia, ad esempio, vanta la più ampia quota di donne con istruzione superiore al loro attivo (49% di donne laureate a fronte del 35% degli uomini). In Norvegia il differenziale retributivo tra sessi (6,3% in media) è la metà di quello registrato nel complesso dei Paesi Ocse. E ancora: in Islanda le donne occupano il 44% dei posti di consigliere d’amministrazione in società quotate, uno dei livelli più elevati al mondo. Ma anche un Paese come l’Ungheria, al quinto posto nella graduatoria dell’Economist, registra il livello più basso in assoluto del difefrenziale salariale (3,8%).

Ecco, nella tabella, la classifica ‘soffitto di vetro’ stilata dall’Economist con il raffronto sulla graduatoria dello scorso anno

PAESI CON MIGLIORI PARITA’ DI TRATTAMENTO TRA SESSI NEL 2016

POSIZIONE 2016 POSIZIONE NEL 2015

1) ISLANDA NP2) NORVEGIA 23) SVEZIA 34) FINLANDIA 15) UNGHERIA 66) POLONIA 47) FRANCIA 58) DANIMARCA 79) NUOVA ZELANDA 1010) BELGIO 911) CANADA 1112) PORTOGALLO 1213) SPAGNA 814) ISRAELE 1315) SLOVACCHIA 1416) AUSTRIA 2117) GERMANIA 1718) AUSTRALIA 1619) USA 1720) REP. CECA 2421) ITALIA 1822) OLANDA 2023) GRECIA 1924) REGNO UNITO 2225) IRLANDA 2326) SVIZZERA 2527) GIAPPONE 2728) TURCHIA 2629) COREA DEL SUD 28

Fonti: The Economist; Catalyst; Egon Zehnder; Commissione Ue; Gmac; Oil; Unione Interparlamentare; World Economic forum

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su