Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Chemchina, offerta record da 43 miliardi dollari per Syngenta

colonna Sinistra
Mercoledì 3 febbraio 2016 - 12:09

Chemchina, offerta record da 43 miliardi dollari per Syngenta

Opa al via prossime settimane. Maggior acquisizione estera cinese
20160203_120853_0BAF4A0B

Roma, 3 feb. (askanews) – China National Chemical Corp, controllante di Pirelli, ha lanciato un’offerta per l’acquisizione del gigante svizzero della chimica Syngenta per 43 miliardi di dollari. L’offerta, pari a 465 dollari per azione più una cedola straordinaria, è stata approvata dal board di Syngenta. L’operazione rappresenta la più grande acquisizione mai fatta da una società cinese all’estero.

In particolare, gli azionisti di Syngenta riceveranno 465 dollari per azione più un dividendo straordinario di 5 franchi svizzeri. L’offerta sarà lanciata formalmente nel corso delle prossime settimane in Svizzera e negli Stati Uniti.

L’anno scorso Syngenta aveva fortemente contrastato un tentativo di acquisizione della rivale americana Monsanto. Oggi, invece, il board all’unanimità ha giudicato positivamente l’offerta di ChemChina che “riconosce la qualità e le potenzialità di Syngenta” puntando su un investimento di lungo termine in innovazione e “minimizza le perturbazioni di carattere operativo”.

Gli attuali vertici di Syngenta resteranno infatti al loro posto e il board di dieci componenti, che verrà presieduto dal numero uno di Chemchina Ren Jianxin, includerà quattro membri dell’attuale organo di sorveglianza.

Nel frattempo Syngenta ha anche annunciato i risultati del 2015, chiuso con ricavi in calo dell’11% a 13,4 miliardi di dollari, principalmente a causa dell’effetto cambi, e con un utile netto sceso del 17% a 1,3 miliardi di dollari.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su