Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Unc: previsti sconti record per i saldi invernali

colonna Sinistra
Lunedì 28 dicembre 2015 - 11:52

Unc: previsti sconti record per i saldi invernali

In particolare per gli indumenti
20151228_115220_F4402DB7

Roma, 28 dic. (askanews) – Sconti record per i saldi invernali. E’ questa la previsione dell’Unione nazionale consumatori che ha analizzato gli sconti effettivamente praticati dai commercianti dal 2011 al 2015 secondo le rilevazioni dell’Istat e stimato il trend per quest’anno. Nel periodo di riferimento, per tutte le voci di spesa coinvolte nelle vendite di fine stagione, dall’abbigliamento alle calzature, si registrano sconti in continuo rialzo. “I commercianti, insomma – spiega l’Unc -, sono stati indotti dalla crisi a ridurre sensibilmente i prezzi. Anche nel 2016 gli sconti continueranno a salire”.

Il record è per i vestiti (indumenti) che saranno scontati del 31,1%, dal 25,4% del gennaio 2015, con un incremento dello sconto del 14,38%. Il secondo capitolo di spesa più scontato saranno le calzature: i prezzi scenderanno del 27,35%, con un ribasso record, rispetto al gennaio 2015, del 15,89%.

Il calo minore, come sempre, spetta agli accessori (voce Istat: Altri articoli d’abbigliamento e accessori per l’abbigliamento), con uno sconto stimato del 15,37%, dal -13,7% del gennaio 2015.

Dall’indagine dell’associazione di consumatori emergono in modo chiaro due cose. In primo luogo, che durante la recessione gli sconti sono progressivamente saliti. In secondo luogo che gli sconti solitamente pubblicizzati in vetrina (70%, 50%) sono gonfiati. Anche se i dati Istat sono una media, la differenza è troppo elevata per non destare sospetti. L’abitudine, insomma, di aumentare il prezzo vecchio, così da alzare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto, è dura a morire. Il consiglio dell’UNC, quindi, è di guardare sempre al prezzo effettivo da pagare e di diffidare di riduzioni troppo elevate, superiori al 50%. Salvo nell’Alta moda, infatti, un commerciante non può avere ricarichi così alti. Con percentuali così grandi, dovrebbe vendere sottocosto.

L’associazione dei consumatori ricorda che l’ideale, in questi giorni che precedono i saldi, è di andare nei negozi a cercare quello che vi interessa, segnandovi il prezzo. Potrete così verificare lo sconto effettivamente praticato e, alla partenza dei saldi, andare a colpo sicuro a prendere quello che vi piace, evitando inutili code

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su