Header Top
Logo
Domenica 30 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Casa, Nomisma: mercato in lenta risalita. Prezzi su dal 2017

colonna Sinistra
Mercoledì 25 novembre 2015 - 10:27

Casa, Nomisma: mercato in lenta risalita. Prezzi su dal 2017

Nel 2015 prezzi abitazioni -2,8%, oltre 442mila compravendite
20151125_102639_AC9ABAB5

Roma, 25 nov. (askanews) – Lenta risalita per il mercato immobiliare italiano che sembra essersi lasciato alle spalle la pesante crisi degli ultimi sette anni. Per una vera ripresa del settore bisognerà aspettare il 2017 quando i prezzi delle abitazioni torneranno a crescere in modo consistente (+1,6%) e le compravendite supereranno quota 500mila. E’ la fotografia scattata dall’Osservatorio sul Mercato Immobiliare curato da Nomisma. La presentazione è stata organizzata in collaborazione con Intesa Sanpaolo Private Banking.

Il 2015 si dovrebbe chiudere, secondo Nomisma, con prezzi delle case in calo del 2,8% e compravendite a quota 442.546. Nel 2016 i prezzi dovrebbero registrare una lievissima ripresa (+0,1%) e le compravendite toccare soglia 478.590.

La risposta del sistema bancario all’impennata delle richieste di acquisto non è mancata. L’incremento delle erogazioni per l’Istituto bolognese è risultato eclatante “seppur di gran lunga inferiore rispetto ai dati diffusi anche da autorevoli istituzioni nel corso dell’anno”. È “interessante notare come le surroghe e sostituzioni sul totale dei mutui abbiano visto passare la loro incidenza dal 7,5% (2014) al 26% (2015), ridimensionando il sostegno netto al settore immobiliare”.

La quota di transazioni senza ricorso al credito è scesa al di sotto del 45%, a fronte di un aumento complessivo del mercato residenziale (orizzonte 2014/2015) del 6%. Il ritrovato canale creditizio è quindi, per Nomisma, “il principale driver alla base delle ottimistiche aspettative di rilancio” .

Nello specifico, il capitale erogato alle famiglie per i mutui nei primi sei mesi del 2015, al lordo delle iniziative di portabilità, è stato di 17,3 miliardi di euro con un incremento di 53 punti percentuali sul primo semestre del 2014 e di 34 sul semestre precedente. Per la seconda parte dell’anno le previsioni ammontano a 21 miliardi di euro.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su