Header Top
Logo
Venerdì 28 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Istat: a settembre risale export (+1,6%), import +1,1%

colonna Sinistra
Martedì 17 novembre 2015 - 10:07

Istat: a settembre risale export (+1,6%), import +1,1%

Surplus commerciale in aumento, a 2,2 miliardi
20151117_100715_D3333EB5

Roma, 17 nov. (askanews) – Dopo tre mesi di continuo calo, a settembre, risale l’export. Lo ha reso noto l’Istat sottolineando che le esportazioni (+1,6%) e le importazioni (+1,1%) sono in aumento congiunturale. Il surplus commerciale è di 2,2 miliardi (+1,9 miliardi a settembre 2014).

La crescita congiunturale dell’export, la prima dopo tre mesi di consecutiva flessione e in linea con l’incremento dei livelli di attività (+0,2% la variazione mensile della produzione industriale), è imputabile all’aumento delle vendite verso i mercati extra Ue (+5,2%), mentre verso l’area Ue si registra una contenuta flessione (-1,1%).

L’incremento congiunturale dell’import interessa entrambe le aree di interscambio (+1,3% per l’extra Ue e +0,9% per l’Ue) ed è particolarmente accentuato per l’energia (+3,8%) e i beni strumentali (+1,6%).

Nonostante il recupero registrato a settembre, nel terzo trimestre 2015 la diminuzione congiunturale dell’export è rilevante (-2,3%), diffusa a tutti i principali raggruppamenti di prodotti e più marcata per l’area extra Ue (-4,2%) rispetto a quella Ue (-0,7%). Nello stesso periodo, si registra una contenuta riduzione della competitività dell’Italia rispetto ai principali partner europei: la quota nazionale sull’export dell’area Uem è in lieve diminuzione (-0,3 punti percentuali) rispetto al trimestre precedente, mentre è invariata per lo stesso trimestre del 2014.

Sempre a settembre i mercati che manifestano una crescita dell’export particolarmente sostenuta sono: Stati Uniti (+18,4%), Belgio (+16,1%), Spagna (+12,2%) e Polonia (+11,6%). In rilevante espansione le vendite di autoveicoli (+30,4%), di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici (+8,7%) e di computer, apparecchi elettronici e ottici (+8,6%). In particolare, un forte stimolo alla crescita dell’export proviene dalle vendite di articoli farmaceutici in Belgio e di autoveicoli negli Stati Uniti.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su